Afghanistan, parla Berlusconi: “La violenza esercitata sulle donne a Kabul ci riguardano quanto le ingiustizie che avvengono a casa nostra”

Donne a Kabul
“Non si può strumentalizzare la fede cristiana piegandola a politiche o di partito. Essere liberali e cristiani per noi significa la tutela della vita in ogni sua forma e in ogni suo momento, dal concepimento alla morte naturale”. Così il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi. “La violenza esercitata sulle donne in Afghanistan o la negazione della libertà religiosa in Cina ci riguardano quanto le ingiustizie che avvengono a casa nostra”. “L’idea di Europa che nasce dall’incontro fra la cultura greco-romana ei valori giudaico-cristiani. Due forme di universalismo che insieme hanno definito il valore della persona, soggetto portatore di diritti sacri e inviolabili, diritti che non è lo Stato a concedere, ma che lo Stato ha il dovere di riconoscere e tutelare”, ricorda Berlusconi in una lettera al quotidiano Avvenire.