Messico, i migranti haitiani che si erano ammassati alla frontiera con gli Usa hanno lasciato i loro accampamenti

I migranti haitiani alla frontiera tra Usa e Messico
Tutti i migranti haitiani che si erano ammassati alla frontiera tra Messico e Usa nella speranza di entrare in territorio statunitense hanno abbandonato i loro accampamenti di fortuna. Lo riferiscono il governo americano e i giornalisti della France Presse sul posto. Gli ultimi richiedenti asilo rimasti, che si erano accampati nei pressi di Ciudad Acuna, sono stati portati nei rifugi con dei furgoni. Poco prima, il segretario americano alla Sicurezza Nazionale, Alejandro Mayorkas, aveva annunciato, durante una conferenza stampa alla Casa Bianca, che “oggi non abbiamo più migranti nell’accampamento sotto il ponte” della città di Del Rio, Texas, che contava fino a 15.000 persone, tra cui molti haitiani, alla fine della scorsa settimana. Circa 2.000 persone sono state deportate in aereo ad Haiti, 8.000 sono tornate volontariamente in Messico, 5.000 sono state trasferite in centri di accoglienza e 12.400 hanno potuto lasciare l’area e dovranno comparire davanti a un giudice dell’immigrazione per difendere la loro richiesta di asilo, ha affermato il ministro. In totale, secondo Mayorkas, 30.000 migranti, per lo più haitiani, sono arrivati dal 9 settembre nella piccola città di confine del Texas, dove vivevano nel caldo e nell’insalubrità dopo aver attraversato il Rio Grande da Ciudad Acuna. Questo massiccio afflusso di migranti e il trattamento subito da alcuni, respinti dagli agenti di polizia di frontiera a cavallo mentre attraversavano il fiume, hanno suscitato una valanga di critiche nei confronti dell’amministrazione Biden, ritenuta disumana dalla sinistra e lassista dalla destra. In un’istantanea scattata domenica da un fotografo dell’Afp, una guardia di frontiera a cavallo afferra un uomo per la maglietta sulla costa americana. In un’altra, un agente tiene a bada un gruppo girando le redini, in una posizione minacciosa, per costringerli a tornare indietro. Queste immagini, che hanno fatto il giro del mondo, hanno suscitato molto scalpore negli Stati Uniti.  Joe Biden, che non aveva ancora parlato pubblicamente dell’argomento, ha promesso venerdì che questi agenti avrebbero “pagato” per questi atti “scandalosi”. Le autorità statunitensi hanno già aperto un’indagine e sospeso temporaneamente le operazioni di polizia di frontiera a cavallo intorno a Del Rio. Queste espulsioni, autorizzate nell’ambito della lotta alla pandemia di coronavirus, “sono dettate da imperativi di salute pubblica”, ha assicurato Alejandro Mayorkas. Il governo non si è comportato in modo “immorale”, ha aggiunto, sottolineando che il diritto d’asilo era disciplinato da regole ferree. –