Usa, l’attrice premio Oscar Susan Sarandon compie 75 anni: una vita per il cinema

L'attrice statunitense Susan Sarandon
Susan Sarandon, pseudonimo di Susan Abigail Tomalin, è una delle grandi dive di Hollywood. I numeri parlano da soli: 75 anni, oltre 50 di carriera e più di 80 film all’attivo. Nata a New York il 4 ottobre 1946, primogenita di nove fratelli, in carriera ha ricevuto cinque candidature agli Oscar per Atlantic City, U.S.A., Thelma & Louise, L’olio di Lorenzo, il cliente e Dead Man Walking – Condannato a morte. Per quest’ultima interpretazione si è aggiudicata la statuetta come miglior attrice protagonista nel 1996. Ecco i suoi film più celebri. Atlantic City U.S.A. (1980) – Il film le vale la nomination agli Oscar come miglior attrice protagonista, la sua prima candidatura dell’Academy. La Sarandon interpreta l’attraente Sally Matthews, una donna con una complicata situazione familiare che tenta invano di costruirsi un futuro. Miriam si sveglia a mezzanotte (1983) – Il titolo originale è The Hunger. Film d’esordio di Tony Scott, vede come interpreti, oltre alla Sarandon, Catherine Deneuve e David Bowie. La conoscenza sul set con il cantante farà scoppiare una breve ma intensa passione. Le streghe di Eastwick (1987) – Sarandon, insieme a Cher e Michelle Pfeiffer, è una delle protagoniste del film di George Miller tratto dal romanzo di John Updike. Nell’immaginaria cittadina del New England, le tre amiche Alexandra, Jane e Sukie fantasticano sul loro uomo ideale ma essendo dotate di poteri magici invocano il Diavolo (interpretato da Jack Nicholson). Bull Durham – Un gioco a tre mani (1988) – Film per la regia di Ron Shelton, vede nel cast Kevin Costner e Tim Robbins. Siamo alla fine degli anni Ottanta e la pellicola vede la splendida Susan Sarandon come una vera e propria musa che tiene in pugno gli uomini del film. Tra le scene clou, Tim Robbins nudo ammanettato a letto con la Sarandon che lo “tortura” leggendo a voce alta poesie di Walt Whitman e posticipando il sesso il più possibile. Da Tim Robbins, nella vita reale, ha avuto i figli Jack e Miles. Thelma & Louise (1991) – Qui l’attrice è accanto a Geena Davis nello splendido road movie di Ridley Scott, che le vale una nomination all’Oscar. Nel film l’attrice tratteggia l’immagine della femminilità emancipata e moderna, caratterizzata da un profondo spirito di ribellione e da un’ironia disperata. L’olio di Lorenzo (1992) – Diretto da George Miller, è tratto da una storia vera e narra la drammatica vicenda della famiglia Odone e della malattia del piccolo Lorenzo. Per la sua interpretazione Susan Sarandon ottenne la nomination agli Oscar come miglior attrice protagonista, una nomination come miglior attrice in un film drammatico al Golden Globe e una nomination sempre come miglior attrice protagonista al New York Critics Circe Award. The client (1994) – Per questo film in cui è diretta da Joel Schumacher la Sarandon ottenne una candidatura agli Oscar come migliore attrice per la sua interpretazione dell’avvocatessa Love che decide di difendere il giovanissimo Mark, testimone del suicidio di un avvocato legato alla mafia. Per questo ruolo la Sarandon venne candidata come miglior attrice protagonista agli Screen Actors Guild Award. Ottenne il riconoscimento come migliore attrice al British Academy Film Award. Dead Man Walking (1995) – Diretta dal marito Tim Robbins, il film è tratto dal romanzo autobiografico di H. Prejan. Grazie alla sua straordinaria interpretazione  della suora ostinata e caritatevole che riesce a svegliare la coscienza di un giovane razzista condannato a morte per stupro e omicidio, la Sarandon conquista l’Oscar.