Lega Ladispoli: “Agresti lasci la politica fuori dalla scuola”

foto di Luigi Cicillini (CentroMareRadio)
“Il dirigente dell’Istituto Comprensivo Corrado Melone continua imperterrito la sua battaglia politica contro l’amministrazione comunale”. Lo dichiara in un comunicato il gruppo consiliare Lega-Salvini Premier di Ladispoli, affermando inoltre: “Le affermazioni pubblicate recentemente sui social sono a dir poco deliranti. Qualcuno sano di mente può veramente credere che un membro dell’amministrazione comunale, in riferimento al teatro Vannini, abbia affermato, citiamo testualmente dal post del dirigente, “la sala è nostra perché abbiamo vinto le elezioni e tu e i tuoi bambini state zitti”, oltre ad una serie di altre sciocchezze dello stesso tenore? È ormai chiaro a tutti che quella intrapresa da Agresti contro il Comune sia una vera e propria crociata politica. Per mesi il soggetto in questione ha lamentato la mancanza di spazi per la mensa scolastica, nonostante il plesso Fumaroli sia dotato di due sale refettorio. In passato era dovuta intervenire perfino la Asl per smentire Agresti, secondo il quale i locali in questione non erano a norma. Durante lo scorso anno scolastico, sempre Agresti, interpretando a proprio piacimento le norme sul distanziamento sociale, ha deciso in totale autonomia di spostare la mensa in palestra, costringendo gli alunni sui ridicoli banchi a rotelle e privando studenti e associazioni sportive dell’utilizzo della struttura. Ora che l’amministrazione comunale ha concesso l’utilizzo temporaneo del teatro Vannini, come richiesto dallo stesso Agresti, l’utilizzo della palestra continua ad essere un problema irrisolto. Tutti gli Istituti scolastici di Ladispoli, tranne uno, hanno comunicato da tempo la disponibilità delle palestre all’Ufficio Sport del Comune. Inutile dire che l’unico che non ha ancora provveduto è stato proprio Agresti, che oltretutto continua a lanciare accuse e insulti senza senso nei confronti del Sindaco e della Giunta. Evidentemente per Agresti le priorità sono altre. Probabilmente è troppo impegnato con la campagna elettorale nel Comune di Bracciano, dove è candidato nelle fila del centrosinistra a sostegno del candidato sindaco del PD. Con il suo comportamento Agresti disonora se stesso, ma di questo ci interessa poco, ma soprattutto il ruolo di dirigente scolastico che ricopre indegnamente. Non è un caso che le iscrizioni alla Melone siano in forte calo rispetto agli anni scorsi. Agresti la smetta di farsi scudo dei bambini che frequentano la Melone per portare avanti battaglie personali, utili ad alimentare solo il suo ego smisurato. Se vuole fare politica a Ladispoli si dimetta e si candidi alle prossime elezioni amministrative. Esprimiamo la nostra solidarietà nei confronti delle associazioni danneggiate dal comportamento infantile del preside Agresti. Insieme all’assessore Milani cercheremo di trovare soluzioni alternative che consentano a tutte le realtà sportive della nostra città di avere spazi degli adeguati in cui allenarsi”.