Vicenda Saman, secondo alcuni testimoni il padre della ragazza in Pakistan vaga per i campi in stato di ubriachezza

La ragazza pakistana Saman Abbas
“Di notte cammina per i campi e per le strade, beve molto”. Sono queste le parole di un testimone a “Quarto Grado” su Shabbar Abbas padre di Saman, la 18enne di origini pakistane scomparsa l’1 maggio a Novellara (Reggio Emilia).  L’uomo, accusato dell’omicidio della ragazza e tornato in Pakistan insieme alla moglie, non si starebbe nascondendo: “Nessuno osa parlare in pubblico – rivela il testimone intercettato da “Quarto Grado” – ma Shabbar lo abbiamo visto e sentito tutti, sappiamo che è fuggito dall’Italia. Qui gira di notte completamente ubriaco, beve molto vino e poi va dai lavoratori nei campi di sua proprietà”. Il padre di Saman sembra essere temuto dalla gente in Pakistan: “Si presenta alle porte dei suoi schiavi, i suoi dipendenti – dice ancora – e più di una volta ha molestato le donne di queste case, sparando anche dei colpi di pistola in aria”.