Ballottaggio a Roma: il trionfo di Roberto Gualtieri: “Sarò il sindaco di tutti”

Il neo sindaco di Roma, Roberto Gualtieri
“Grazie davvero, ai romani e alle romane per questo risultato significativo. Sono onorato per la fiducia”. Lo ha detto il neo sindaco di Roma Roberto Gualtieri dal suo comitato elettorale a Portonaccio. “Ringrazio quelli che mi hanno votato, quelli che non mi hanno votato e quelli che non sono andati a votare. Sarò il sindaco di tutti, di tutta la città” ha sottolineato. “Dobbiamo lavorare perché si superi e si riduca l’astensionismo”. Il ringraziamento è andato anche a Enrico Michetti “per il confronto civile”, a Carlo Calenda “per il contributo di idee” e alla sindaca uscente Virginia Raggi “per l’impegno e il lavoro fatto in questi anni”. “Inizia un lavoro di straordinaria intensità per rilanciare Roma, per farla funzionare e farla crescere” ha poi affermato l’ex ministro, assicurando: “Ce la metterò tutta. E’ tempo di realizzare un grande patto. Chiedo a tutte le forze della città di unirsi a noi per una grande stagione di rilancio di Roma”. “Da domani ci metteremo al lavoro – ha aggiunto – Oggi siamo tutti felici di festeggiare, vi aspetto a piazza Santi Apostoli”. La squadra? “Sarà una squadra di grande qualità, ci stiamo lavorando e la comunicheremo” ha detto il neo sindaco di Roma durante alcune interviste al suo comitato elettorale. Conferma che i 5 Stelle non saranno in giunta? “Noi diciamo quello che facciamo e facciamo quello che diciamo. Ovviamente sì” ha risposto Gualtieri a La7. E la lista Calenda? “Abbiamo che il perimetro politico è quello della maggioranza che si è presentata alle elezioni, ovviamente siamo aperti anche a figure civiche e faremo un grande lavoro di ascolto e coinvolgimento delle forze del consiglio comunale” ha sottolineato. Quale sarà la maggiore discontinuità con l’amministrazione Raggi? “Noi vogliamo ripulire questa città, farla ripartire, mettere a terra le risorse, costruire un’amministrazione efficiente come i romani meritano”. Una città “che sia alla testa di una stagione di rinascita del Paese”.