Milano, la Procura ha chiesto l’archiviazione per il Pio Albergo Trivulzio e per l’ex direttore generale Giuseppe Calicchio per la pandemia Covid

La Rsa Pio Albergo Trivulzio di Milano
La procura di Milano ha chiesto  l’archiviazione per il Pio Albergo Trivulzio e per l’ex direttore generale Giuseppe Calicchio indagati per la presunta assenza di protezioni  individuali che avrebbero determinato, durante il periodo della prima  emergenza Covid, un forte numero di morti tra gli anziani ricoverati  nella struttura milanese. Le ipotesi di epidemia colposo e omicidio colposo plurimo non hanno trovato riscontro, “l’eccesso di mortalità   per coronavirus si situa in una fascia intermedia rispetto a quanto avvenuto nelle Rsa del milanese”, si legge nella richiesta di archiviazione fatta dai  pm Mauro Clerici e Francesco de Tommasi al gip al quale chiedono  l’archiviazione del procedimento.  I parenti delle vittime si dicono “amareggiati, la domanda di giustizia è stata elusa. La decisione della Procura di Milano  – spiega Alessandro Azzoni, presidente dell’Associazione Felicita che riunisce i parenti – ci trovato talmente amareggiati ma non sorpresi”. La Procura milanese, a quanto si è saputo, ha chiesto l’archiviazione anche per tutti gli altri procedimenti simili relativi a morti nelle Rsa milanesi.