Ostia, mancano le navette per i bambini disabili

“Anche stamattina la navetta non è passata. Ho dovuto portare io mia figlia a scuola prima di andare a lavorare e andrà a riprenderla mia moglie. La mancanza del trasporto per disabili per noi è un aggravio enorme. Mia figlia è una disabile gravissima, affetta dalla sindrome di Williams e con autismo grave: non legge, non scrive…Non sappiamo come andare avanti”. A raccontare le ricadute concrete dei problemi registrati nel trasporto comunale degli studenti e delle persone con disabilità a Roma è Maurizio Zoppi, il padre di un alunna di 16 anni che usufruisce a Ostia del servizio di trasporto.
“Fino a giugno era andato tutto bene, anche se ci avevano detto che l’azienda aveva dei problemi. Passavano a prendere mia figlia alle 8 e la riportavano alle 14. Poi da settembre, dall’inizio dell’anno scolastico, ci siamo trovati con un servizio a singhiozzo. Quando non passavano ci avvisavano dalla sera alla mattina – racconta -. Noi non diamo la colpa ai lavoratori, crediamo siano anche loro parte lesa. Ma questo è un servizio così importante che dovrebbe far parte di quelli considerati essenziali. Siamo un gruppo di famiglie in questa situazione e io parlo a nome anche di qualcuna di loro”, continua Zoppi, che è anche nel direttivo del comitato disabilità X municipio. “Ci hanno detto che sindaco Gualtieri sta prendendo di petto la situazione e speriamo risolva il prima possibile”.