Sparizione di Saman: il 24 novembre la Corte d’Appello di Parigi deciderà sull’estradizione dello zio Danish

La giovane Saman e lo zio Danish
Si deciderà il 24 Novembre prossimo, in corte d’appello a Parigi, sulla richiesta di estradizione in Italia di Danish Hasnain. E’ lo Zio di Saman, la ragazza di origine pakistana scomparsa il 30 Aprile scorso, di lei non si sono trovate più tracce, nonostante le intense ricerche delle forze dell’ordine nella campagna di Novellara, in provincia di Reggio Emilia. Lo Zio – che si è sempre dichiarato estraneo alle accuse – è indagato per sequestro, lesioni e omicidio.  La scorsa settimana, la Chambre de l’Istruction della Corte d’appello di Parigi, aveva accolto la richiesta della difesa dell’uomo, che aveva chiesto di avere più tempo e si era opposta alla richiesta di estradizione. Oggi, la decisione del palazzo di giustizia  Le indagini sullo Zio e l’arresto in Francia I militari del nucleo investigativo dei Carabinieri di Reggio Emilia hanno scoperto che Danish Hasnain, lo zio e Nomanulaq Nomanulaq, il cugino ancora latitante, erano in contatto. I militari analizzando i profili falsi sui social usati da Hasnain in questi sei mesi di latitanza, sono riusciti a raccogliere informazioni utili per determinare la posizione anche dell’altro cugino latitante, che si troverebbe a Parigi. Per questo motivo hanno deciso di fare una trasferta in Francia di qualche giorno. Danish Hasnain, considerato l’uomo chiave di tutta la storia e per gli inquirenti l’esecutore materiale del presunto delitto di Saman Abbas, era stato arrestato il 22 settembre alla periferia parigina.