E’ di Cerveteri uno degli Arbitri “promossi” nella Serie A di Pallavolo

Luca Pescatore

Luca Pescatore, da atleta della Volley Ladispoli al “palchetto” nazionale

Un’altra grande soddisfazione per la Pallavolo Laziale con riflessi al nazionale. Da quest’anno tre arbitri del CR FIPAV Lazio (inseriti nel 1° gruppo di Serie B) hanno effettuato il loro esordio in Serie A: si tratta di Luca Pescatore, Giorgia Adamo e Dario Grossi. Tre giovani intraprendenti che cavalcando l’onda dei loro sogni hanno raggiunto il massimo livello di questa attività. Ma la nostra attenzione ricade in particolare su Luca Pescatore. Il neo arbitro della Serie A di Pallavolo è un cittadino di Cerveteri, cresciuto sportivamente e professionalmente proprio tra Cerveteri e Ladispoli. Quindi Luca ha esordito in Serie A nella sfida tra Geovillage Hermaea Olbia e Eurospin Ford Sara Pinerolo (Femminile) al Palasport di Macerata il 10 ottobre scorso. E ad oggi ha già arbitrato 4 partite nella categoria principale. “Sono molto felice e soddisfatto da questo importante traguardo raggiunto con non poca fatica” ci racconta Luca. “Gioco a pallavolo da quando ero poco meno che un adolescente. Sono arrivato a giocare in Serie C. La passione per questo sport mi ha portato poi ad intraprendere il percorso arbitrale nel 2008 quando aderii ad un corso di formazione organizzato dalla Volley Ladispoli, ed oggi, a 37 anni, mi trovo a gestire situazioni che da bambino sognavo. I giganti, le star di questo sport sono praticamente “ai miei piedi” (ndr, gli arbitri delle partite di pallavolo gestiscono il match da un palchetto a ridosso del campo all’altezza di circa 3 metri per avere una visuale ottimale), è veramente emozionante. Non nascondo che organizzare data per data è molto impegnativo, anche perché si svolgono, solo da calendario di campionato, due eventi a settimana, in genere una partita il mercoledì e una la domenica. Poi si viaggia moltissimo, sono sempre in giro e conciliare il tutto con la famiglia non è sempre semplice. A questo proposito voglio approfittare di questo spazio per ringraziare mia moglie per la pazienza e per il supporto che mi ha sempre dimostrato. A differenza delle categorie precedenti, anche già dalla serie B in giù, questo tipo di partite si trasformano in veri e propri eventi, ed il fatto che io ne faccia parte da protagonista è veramente adrenalinico”. E noi de la Voce non possiamo che complimentarci con Luca per questo salto di carriera, continueremo a seguirlo da vicino con la promessa che tra le nostre colonne troverà sempre lo spazio che merita. Gli auguri di un futuro radioso ai vertici dell’arbitraggio nazionale arrivano anche da parte del presidente Andrea Burlandi, del Consiglio regionale, della Commissione Arbitri FIPAV Lazio e di tutti i collaboratori.