Milano, due rapine in centro usando come arma uno storditore elettrico: fermati tre giovani

Due rapine nel centro di Milano usando come arma uno storditore elettrico. Questa è l’accusa con la quale sono stati arrestati dalla polizia tre ragazzi (un 18enne e due 19enni) e un ivoriano di 19 anni. All’una di venerdì notte gli agenti sono intervenuti in piazza Gae Aulenti dopo la chiamata d’aiuto di un 33enne che era stato aggredito, mentre si trovava in compagnia di altri amici, dal gruppetto col volto coperto da bandata e cappuccio. Secondo quanto raccontato alla polizia, i rapinatori li hanno intimoriti azionando il taser con una scossa a vuoto. La minaccia avrebbe dovuto convincerli a consegnare il giubbotto, ma il 33enne ha reagito dando il via a una colluttazione conclusa con la fuga degli aggressori. I quattro sono stati bloccati poco dopo da agenti che li hanno visti scappare. Mentre li identificavano, i poliziotti sono stati avvicinati da un 19enne che pochi minuti prima aveva consegnato il proprio cellulare dopo essere stato colpito cinque volte con lo storditore. A conferma del suo racconto è stato trovato lo smartphone nelle tasche di uno degli arrestati.