Covid, l’avvertimento del professor Ricciardi: “Se non somministriamo rapidamente la terza dose avremo una risalita forte tra gennaio e febbraio”

Il consulente del governo per i'emergenza coronavirus, Walter Ricciardi
“Se non ampliamo il numero di vaccinati con la prima dose e se non somministriamo rapidamente la terza avremo una risalita forte, più di quella che vediamo ora. Avverrà presumibilmente tra gennaio e febbraio. Di sicuro però la mortalità sarà più ridotta di quella delle prime grandi ondate proprio grazie ai vaccini, che comunque un po’ proteggeranno”. Lo afferma in un’intervista a ‘Repubblica’ Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute. Sul vaccino per i bambini e su come convincere i genitori che esitano, Ricciardi suggerisce: “Spiegando loro che i vaccini sono sicuri e protettivi e che il rischio di contrarre l’infezione e di ammalarsi resta altissimo. D’altra parte la stragrande maggioranza dei vaccini viene somministrata proprio in età pediatrica”. Quanto all’arrivo di nuovi farmaci contro il Covid, Ricciardi avverte: “Il vaccino resta lo strumento fondamentale, evita la malattia. È positivo che ci siano farmaci efficaci, ma hanno uno scopo diverso, cioè la cura. E tra l’altro sono enormemente più costosi. Non ce li potremmo permettere per milioni di persone e comunque usare solo quelli significherebbe avere più morti e malati. Sono due strumenti da integrare. Anche se abbiamo gli antibiotici, non smettiamo di usare il vaccino contro la meningite batterica”.