Danimarca: il governo reintroduce l’obbligo del Green pass

La premier danese Mette Frederiksen
Due mesi dopo l’alleggerimento delle restrizioni anti-Covid, il governo danese ha deciso di reintrodurre il pass sanitario obbligatorio. In Danimarca, su una popolazione di 5,8 milioni, l’85,9% delle persone di età superiore ai 12 anni è stato completamente vaccinato. Il numero dei nuovi contagi è stato di nuovo superiore ai 2mila per il quinto giorno consecutivo. Il Green pass sarà reintrodotto in bar, ristoranti e locali notturni. In Danimarca la certificazione sanitaria viene chiamata “Coronapas” e, analogamente al Green pass italiano, si ottiene con la vaccinazione, con un test negativo o se si è contratto il coronavirus da poco. L’obbligo del pass per accedere a bar e ristoranti (anche all’aperto) era stato introdotto ad aprile e poi tolto a settembre grazie al buon andamento della campagna vaccinale. Ora però, visto che la curva dei contagi è in risalita, il governo ha deciso di reintrodurre il “Coronapas”. Per diventare effettiva la misura dovrà essere approvata dal Parlamento. La commissione nazionale sull’epidemia, intanto, ha raccomandato al governo di classificare il coronavirus come una malattia “socialmente pericolosa”. L’esecutivo, ha detto il premier Mette Frederiksen, seguirà tale indicazione.