Cina, è “sparita” la tennista Shai Peng dopo che aveva denunciato per molestie sessuali l’ex vice premier Zhang Gaoli

 La tennista cinese Shuai Peng
Una settimana dopo che la tennista Shuai Peng, 35 anni e un Roland Garros in bacheca, ha denunciato di essere stata stuprata tre anni fa dall’ex vice premier cinese Zhang Gaoli, 75 anni, non si hanno più sue notizie. Lo denuncia il quotidiano francese Le Monde. L’accusa è di quelle pesanti: è la prima volta che viene tirato in ballo un leader di così alto rango nel Partito Comunista Cinese. Il sito web francese di Le Monde ha sottolineato più volte come il silenzio totale della donna sia motivo di una preoccupazione visti gli importanti strumenti di censura in mano al governo cinese. Anche per questa ragione, un famoso gruppo che si batte per i diritti delle donne su un social network cinese chiamato Douban, sta rifiutando di trattare in ogni modo la questione, temendo di essere bannato e diventare a sua volta bersaglio. Shuai Peng aveva pubblicato il racconto dettagliato su Weibo (l’equivalente cinese di Twitter). Il post è rimasto online per venti minuti, abbastanza da permettere a migliaia di utenti di fare screenshot e poi condividerli. Da allora, l’account dell’ex giocatrice professionista non ha pubblicato nulla di nuovo. I commenti sono stati disabilitati e il testo è stato coperto dalla censura sui social  cinesi. Nel giorno della rivelazione, anche la parola wangqiu, ossia tennis,  è stata bandita da Weibo.