PD: la scelta è tra Silvia Marongiu e Federico Ascani

di Alberto Sava
Il PD ha annunciato due sole candidature a sindaco di Ladispoli: Silvia Marongiu e Federico Ascani. Tramontata la candidatura dell’ex-sindaco Enzo Paliotta, nomination rimasta in pectore per 48 ore e sciolta definitivamente ieri nella tarda serata. Nei giorni scorsi il sindaco di Cerveteri uscente aveva annunciato la sua candidatura a Ladispoli, supportato da otto liste. Immediata la reazione dello scacchiere ladispolano progressista: la candidatura di Alessio Pascucci a Ladispoli è divisiva! Spaccato il centrosinistra da Torre Flavia a Palo. Brusco risveglio per l’ex-enfant prodige cerveterano, passato dal respiro corto della politica paesana a quello pragmatico dei cugini oltre Aurelia. Partito nel 2012 come sindaco di Cerveteri, ma con dichiarate ambizioni nazionali, dopo dieci anni il suo nome spacca e non aggrega. Con le aspirazioni drasticamente ridimensionate dal salto nazionale al salto del fosso Vaccina, Pascucci con la sua candidatura ha prodotto subito due effetti: ‘ponti d’oro’ dei cerveterani al sindaco che va, e centrosinistra spaccato a Ladispoli. Dopo due mandati da primo cittadino a Cerveteri, nulla da dire sull’abilità politica di Pascucci, tutto da obiettare sulle sue capacità, e reale interesse, di amministrare un paese, seppure di discrete dimensioni. Un limite fondamentale per chiunque si candidi a guidare una comunità, per poi rivelarsi un’amara delusione. E’ una realtà che tanti residenti di Marina di Cerveteri preferirebbero aggregarsi a Ladispoli, altrettanto vorrebbero i residenti di Valcanneto e non solo loro. Quarantamila abitanti di Cerveteri che si sentono traditi: si tratta di quasi tutti pendolari che in fondo chiedono solo servizi decenti, per i quali pagano cospicue tasse locali, e un minimo decoro urbano. Ladispoli è vicina e la gente vede, sente, parla e la conferma arriva dal risibile gradimento sui social, all’annuncio della disponibilità a candidarsi a Ladispoli dopo la doppia performance di Cerveteri. Dopo il bluff della mossa in anticipo, cammino in salita da parte della gente comune fuori dal comune, tantissimi i commenti di resistenza ed aspre le critiche al suo operato a Cerveteri. La fiducia di varie componenti progressiste non arriverà. Le liste che sostengono Pascucci sono otto, ed almeno due sono formate dagli sconfitti dalla “pizza” presa da Alessandro Grando alle scorse elezioni.
Domenica Primarie di PD
Sul tavolo le primarie dem per la nomina di un sindaco alternativo al cerveterano, con due ladispolani in pole position: la segretaria Silvia Marongiu, Donna che gode delle simpatie dei pentastellati, e Federico Ascani, consigliere metropolitano, gradito alla nomenklatura romana. Si voterà domenica prossima e solo formalmente questa sera a mezzanotte scadranno i termini per altre candidature, sostanzialmente impossibili. Saranno gli iscritti della sezione a scegliere con il loro voto tra Silvia Marongiu e Federico Ascani. Il Movimento 5 Stelle a Ladispoli, alla notizia della disponibilità di Pascucci, è rimasto freddo e questo confermarebbe un’alleanza col PD fin dal primo turno.