Roma, spari a Tor Bella Monaca: arrestato un 27enne per tentato omicidio

La Squadra mobile di Roma ha eseguito una misura cautelare, emessa dal gip di Roma su richiesta della Procura, nei confronti di un 27enne accusato di tentato omicidio in concorso e porto abusivo di armi per aver aperto il fuoco contro un’auto la sera del 23 ottobre a Tor Bella Monaca. In quell’occasione, un’auto con a bordo due uomini bloccò sul ciglio della carreggiata con una brusca manovra un’altra macchina con a bordo quattro giovani tra cui un 14enne. I due esplosero colpi di pistola contro la vettura che in retromarcia riuscì ad allontanarsi. I due uomini, nonostante le auto che transitavano in quel momento sulla strada, inseguirono anche le vittime. Poi si allontanarono. Per l’episodio è stato sottoposto a misura cautelare P. L., considerato “personaggio di elevato spessore criminale” – rende noto la Questura – e appartenente all’omonima famiglia “nota per essere a capo di una delle più importanti piazze di spaccio di via dell’Archeologia”. Il fratello maggiore, aggiunge la Questura, è stato arrestato pochi mesi fa sempre dalla Squadra Mobile di Roma per tentato omicidio aggravato dal metodo mafioso e poi raggiunto ad aprile da un’ulteriore ordinanza di custodia in carcere insieme ad altri 50 indagati per associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, armi e sequestro di persona a scopo di estorsione.