Violenza sulle donne, dati choc di AstraRicerche: Il 40% degli italiani giustifica botte e schiaffi alle moglier

Stalking, catcalling, discriminazione di genere e disparità “devono essere risolti in via prioritaria da chi può”,  sia se si parla di violenza fisica (60.8%), sia se si parla di quella psicologica (57.8%). Ma “schiaffeggiare la moglie non è violenza” per un italiano su 4. Sono i dati shock che emergono da una ricerca demoscopica realizzata da AstraRicerche con Rete antiviolenza del Comune di Milano e Gilead Sciences Italia alla vigilia del 25 Novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. A destare ulteriore sconcerto è che a giustificare botte e abusi sessuali, in particolare in famiglia, siano anche le vittime, proprio le donne. Le violenze in famiglia giustificate e sottovalutate – I numeri sono drammatici: l’89% delle donne subisce violenza da parte di un famigliare: il 74% di coloro che maltratta veste i panni di mariti, conviventi, fidanzati o ex e il 68% di questi ultimi è di nazionalità italiana. Ma circa tre persone su dieci, per AstraRicerche, non considerano violenza “dare uno schiaffo alla partner se lei ha flirtato con un altro”; tra le donne, ne è convinto il 20%, mentre la percentuale sale al 40% per gli uomini. Ancora, un italiano su tre non considera violenza forzare la partner a un rapporto sessuale se lei non ne ha voglia; lo pensano circa quattro uomini e tre donne su dieci.