Diritti inespressi, lo Spi Cgil per le verifiche sulle pensioni

“Per lo Spi/Cgil, il più grande Sindacato dei pensionati italiani, fin d’ora, in attesa che il Governo si decida ad aumentare le pensioni più basse, si può fare di più per i titolari soprattutto delle pensioni più basse. Cosa sono i cosiddetti “diritti inespressi”? Bisogna assolutamente verificare se si ha diritto ad una pensione più alta poiché ci sono alcuni aumenti spettanti al pensionato che l’Inps non eroga direttamente ma solo dietro domanda del pensionato stesso. E sono diritti che fino a quando non vengono esercitati, con una opportuna richiesta, vengono congelati fino ad essere perduti definitivamente. Cosa fare? Con il proprio documento di identità, il codice fiscale e altri eventuali redditi oltre la pensione, rivolgiti al sindacato dei pensionati della Cgil: in collaborazione con gli operatori del patronato verrà effettuata una verifica della tua pensione e se hai diritto ad integrazione sarà avviata la pratica all’INPS. Si tratta in alcuni casi di aumenti consistenti e si possono prendere anche gli arretrati. Per ulteriori informazioni rivolgiti allo Spi/Cgil (Ladispoli: Via Firenze 76 tel.06/99223188 – Cerveteri Via G. Pascoli n.7 tel.06/9943966)”. Queste le parole di Mara Caporale, della Lega – SPI/CGIL.