Schede contestate, è braccio di ferro Ascani-Ciarlantini

Il rappresentante del PD perderebbe il posto nella Città Metropolitana. Per l’altra candidata la lista Per Pascucci è pronta a fare le barricate

A tre giorni dalle elezioni comunali che hanno visto la conferma del sindaco Alessandro Grando ancora non si conoscono con esattezza i nomi di tutti e 24 i consiglieri dell’assise di Ladispoli. Da martedì il seggio centrale in piazza Falcone sta analizzando una serie di schede contestate per delineare gli eletti soprattutto dell’opposizione dove ci sono un paio di seggi in ballo. La diatriba più importante riguarda il posto in Consiglio comunale che si stanno contendendo Federico Ascani del Partito democratico e Daniela Ciarlantini della lista Per Pascucci il cui destino è nelle mani del cosiddetto metodo Hondt per il calcolo dei voti di lista e di preferenza. Sarebbe complicato ora spiegare il metodo adottato, per chiarezza diciamo che il Pd chiede l’adozione di un sistema per salvare il seggio ad Ascani, mentre la lista Per Pascucci è pronta a fare le barricate per l’elezione della Ciarlantini. In questo confuso scenario si stanno susseguendo una serie di voci secondo cui salterebbe il seggio al Movimento 5 Stelle e addirittura potrebbe scattare il quinto eletto alla lista civica Grando sindaco. Ma non chiedeteci perché, i calcoli sono davvero complessi così come l’interpretazione della normativa. Aggiungiamoci che anche la lista Rinascimento, recuperando alcuni voti dalle schede contestate, potrebbe ritrovarsi un eletto ed ecco illustrata la grande confusione che regna attorno all’assegnazione degli scranni in Consiglio comunale. E non è tutto, nella lista Ladispoli Attiva sono arrivati a parità di voti Martina Paoli e Fabio Paparella, per entrambi recuperare una preferenza significherebbe essere eletti. Insomma, forse domani sapremo i nomi definitivi dei 24 eletti nel Consiglio comunale di Ladispoli, salvo ovviamente ricorsi.
AGGIORNAMENTO del 15.06.2022 ore 17.43

New entry in Consiglio

Una delle novità emerse da questa tornata elettorale è senza dubbio il nome di Gianfranco Marcucci. Il candidato consigliere comunale è stato il più votato della lista Ladispoli Attiva: “277 volte grazie! La notte elettorale è passata… e mi sono risvegliato consigliere comunale della mia città. Mi pervadono una forte emozione ed un grande senso di responsabilità per essere stato investito di un ruolo così decisivo per la vita della mia comunità. Vorrei ringraziare le tante, tantissime persone che mi hanno sostenuto, prime fra tutte Nadia e la piccola Sole che è stata risucchiata inconsapevolmente dentro a questo vortice elettorale. Ringrazio poi Emiliano, mio fraterno amico, con il quale da sempre camminiamo fianco a fianco; e poi ancora tutte le compagne e compagni di Ladispoli Attiva che – senza condizioni e secondi fini – si sono messi al servizio di questo movimento politico. Sembra incredibile se solo penso a quando – due anni fa – iniziammo l’avventura di Ladispoli Attiva. Mai avrei pensato che in così breve tempo saremmo potuti diventare la prima forza progressista di questa città e con ben due consiglieri eletti. E invece i cittadini hanno creduto in noi e ci hanno votato con convinzione e forza. Abbiamo creato dal nulla una comunità politica; uno spazio collettivo d’idee, valori e bisogni inespressi attraverso il quale un pezzo di cittadinanza ha deciso di riconoscersi. Abbiamo riacceso passione e voglia di partecipazione in un tempo di disaffezione ed indifferenza. È stata come una luce che d’un tratto illumina a giorno una parte di città rabbuiata. A livello elettorale non è andata come speravamo, ma si sa i cambiamenti profondi hanno bisogno di molto lavoro e tempo. Adesso il nostro meraviglioso viaggio ripartirà dai banchi dell’opposizione dove con coraggio e determinazione lavoreremo all’alternativa di domani e dove – come diceva Gramsci – ci rimetteremo tranquillamente all’opera ricominciando dall’inizio”.