Roma, ecco i 335 interventi sul patrimonio artistico e architettonico previsti dal Pnrr per “la Città Eterna”

Dal restauro e valorizzazione delle Mura Aureliane alla riqualificazione della riva sinistra del Tevere, dagli interventi su ville storiche, chiese, aree archeologiche e i Fori al Museo diffuso di Testaccio. Sono solo alcuni dei 335 interventi su 283 siti archeologici/culturali, che verranno realizzati da vari soggetti attuatori nell’ambito del progetto ‘Caput Mundi’ che sfrutta così l’opportunità del Pnrr in coincidenza con il Giubileo 2025. Le misure sono state presentate nel corso di una conferenza stampa dal ministro del Turismo Massimo Garavaglia e dal commissario straordinario per il Giubileo e sindaco di Roma Roberto Gualtieri. Sei le linee di intervento di ‘Caput Mundi‘: il ‘patrimonio culturale di Roma per Eu-Next Generation” con la rigenerazione e il restauro del patrimonio culturale e urbano e dei complessi di alto valore storico architettonico della città di Roma; i ‘percorsi Giubilari 2025’, dalla Roma Pagana alla Roma Cristiana, finalizzati alla valorizzazione, messa in sicurezza, consolidamento antisismico, restauro di luoghi e di edifici di interesse storico e percorsi archeologici; ‘la città condivisa’, patrimonio storico, archeologico e culturale per riqualificare sistematicamente il contesto urbano ed extraurbano; ‘Mi tingo di verde’, che riguarda parchi, giardini storici, ville e fontane); ‘A mano tesa’, finalizzata ad incrementare l’offerta culturale nelle periferie per favorire l’integrazione sociale e ‘Roma 4.0’, che prevede la digitalizzazione dei servizi culturali e lo sviluppo di siti e app per turisti.