FIUMICINO, CHIODI: “ALITALIA, DALLA SOLIDARIETA’ ALLA PROPOSTA POLITICA”

Non basta una pianificazione finanziaria fatta passare come piano industriale oppure la ricerca dell’ennesimo prestito tampone per spostare il problema negli immediati mesi successivi ma bisogna mettere in campo una programmazione per far ripartire la politica industriale, una mancanza troppo forte negli ultimi anni in questo Paese. Ieri il Consiglio Comunale di Fiumicino ha aperto una discussione forte con tutte le parti in causa, mettendo nero su bianco una proposta, concreta, di rilancio per Alitalia. E lo ha fatto prendendosi anche una grande responsabilità istituzionale, votando all’unanimità delle forze presenti un progetto che vede protagonista il Tesoro come azionista delle più importanti partecipate, ognuna con una specifica competenza in materia: Poste Italiane, Eni, Finmeccanica e Ferrovie dello Stato, eccellenze mondiali nei rispettivi settori e in grado di poter far uscire Alitalia da una situazione stagnante e una deriva oramai prossima. La salvaguardia del lavoro è la tutela della dignità di una persona. Le testimonianze di ieri in aula sono state emozionanti, tutti pronti a rimboccarsi le maniche, orgogliosi del proprio lavoro e concordi con la nostra mozione. Ora la palla passa nelle mani del Governo al quale abbiamo chiesto di valutare la proposta. Un ringraziamento lo voglio fare a tutti, ma al Sindaco in particolare per il coraggio e la forte presa di posizione che ha voluto condividere con tutte le forze presenti”. Lo afferma il capogruppo della Civica Montino Massimiliano Chiodi.