ROMA, APPIO, AZIENDA DI FAMIGLIA ARRESTATI PADRE E FIGLIO, SEQUESTRATI 100 KG DI HASHISH

Dopo vari appostamenti, dai quali è emersa la frequentazione del locale da parte di personaggi noti alle forze dell’ordine per essere consumatori di sostanze stupefacenti, i poliziotti del commissariato Appio sono entrati in azione insieme al Reparto Prevenzione Crimine e alle unità cinofile. E’ stato proprio l’infallibile fiuto del cane Yago a segnalare B.E., romano di 61 anni, che in tasca aveva circa 2 grammi di cocaina. Nel luogo del domicilio dell’uomo, gli agenti hanno trovato, nascosti nella casa e nel terreno ad essa circostante, circa 93 kg di marijuana. Insospettiti dal fatto che sui documenti ci fosse un altro indirizzo, gli uomini in divisa sono andati a perquisire anche quell’abitazione, dove di fatto vive il figlio B.G. A casa del 21enne sono stati trovati circa 200 grammi di marijuana e 10 grammi di hashish. Per padre e figlio, che passeranno insieme la Pasqua in carcere, sono scattate le manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. E sempre gli agenti della Polizia di Stato, questa volta del Commissariato Borgo hanno arrestato A.K., ghanese di 45 anni, con vari precedenti di Polizia. L’uomo, durante un controllo in piazza Risorgimento, è stato trovato in possesso di alcuni grammi di marijuana, di un bilancino di precisione e di materiale per il confezionamento delle dosi. E lo stesso quantitativo sequestrato nella prima operazione della polizia all’Appio è stato trovato e sequestrato anche dai carabinieri in una analoga operazione.