test
sabato, Giugno 22, 2024

RIFIUTI OVUNQUE, CERVETERI NEL CAOS

“Abbandonare i rifiuti in strada è controproducente. Oltre tutto i costi per questi interventi straordinari incidono direttamente sulla Tari”. Un avvertimento molto chiaro quello lanciato nei giorni scorsi dall’assessora all’Ambiente del comune di Cerveteri, Elena Gubetti. Il messaggio non ha bisogno di essere decodificato. Più i cittadini sporcheranno, più le tasse relative alla nettezza urbana aumenteranno. Nello stesso comunicato: “il continuo dover rincorrere le discariche abusive che spuntano in tutto il territorio costa ai cittadini delle risorse che potrebbero invece essere risparmiate”. All’assessora però risponde il consigliere comunale di opposizione, Lamberto Ramazzotti. “Questa affermazioni sarebbe meglio non farle, sono solo scuse per mascherare una gestione caotica, – critica il consigliere Ramazzotti – il Comune paga 7 milioni di euro anno alla ditta nonostante il servizio della nettezza urbana sia un vero disastro e presenta delle inadempienze contrattuali accertate anche dalla polizia locale. A questo punto si attivi la Corte dei Conti”. Il fenomeno delle discariche abusive a Cerveteri è tutt’altro che risolto. Nonostante siano state piazzate in molte zone le telecamere comunali. La polizia municipale ha rilevato oltre 450 contravvenzioni in questo 2017. Molti cittadini cerveterani, ma anche forestieri (di Ladispoli principalmente e poi di Bracciano e Manziana) si recano in trasferta a Cerveteri per liberarsi dei rifiuti ingombranti e meno ingombranti. E anche del loro sacchetto dell’immondizia dentro ai cassonetti presenti nella città Unesco per colpa di un porta a porta che funziona ancora a singhiozzo. L’identikit degli incivili è variegato. C’è l’impiegato che al mattino presto prima di raggiungere l’ufficio si sbarazza dell’incomodo. In numerose occasioni gli agenti di polizia locale hanno sanzionato commercianti colti in castagna. Nell’elenco spuntano fuori anche parecchie casalinghe incaricate dai rispettivi mariti di raggiungere i cassonetti. La città è sempre più sporca e l’amministrazione comunale potrebbe far ricadere su tutta la popolazione queste azioni che creano danni all’ambiente.

Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli