sabato, Aprile 20, 2024

Paga l’affitto ad un incensurato perché gli custodisca la droga: scattano le manette per due giovani romani

Roma – L’aveva studiata bene il 23enne romano che aveva iniziato a pagare l’affitto di casa ad un incensurato affinché questi gli custodisse la droga in casa. Per entrambi la vicenda si p però conclusa con le manette ai polsi. Gli agenti di Primavalle erano da tempo sulle tracce del giovane seguendone gli spostamenti e tenendolo costantemente sotto controllo. Appena avuta la certezza che l’appartamento dal quale lo avevano visto scendere era il nascondiglio dello stupefacente hanno proceduto al controllo. Perquisita l’abitazione, in un borsa chiusa con un lucchetto, hanno trovato 1,7 kg di hashish, 200 confezioni di cocaina per un peso di circa 100 grammi e 10 munizioni calibro 38 special. Addosso al 23enne romano, invece, e all’interno della sua reale abitazione, i poliziotti hanno scoperto altre 10 confezioni di cocaina, due piante di marijuana, 4.500 euro in banconote di piccolo taglio, oltre a bilancini di precisione e telefoni utilizzati dal ragazzo per gestire l’attività .
Ulteriori accertamenti hanno poi condotto gli investigatori a scoprire l’identità del giovane complice, reale affittuario dell’abitazione. Si tratta di un 30enne romano che ha ammesso di aver accettato, lo scorso luglio, la proposta di ricevere 400 euro mensili come contributo per l’affitto, per custodire una borsa della quale aveva certamente ben compreso il contenuto. Al termine dell’operazione, entrambi sono stati arrestati per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente in concorso.

Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli