asyabahisgo1.com www.dumanbetyenigiris.com pinbahisgo1.com sekabet-giris2.com www.olabahisgo.com www.maltcasino-giris.com www.faffbet.net betforward1.org www.1xbet-farsi3.com www.betforward.mobi www.1xbet-adres.com 1xbet4iran.com romabet1.com www.yasbet2.net 1xirani.com romabet.top
mercoledì, Maggio 29, 2024

La musica non deve temere l’intelligenza artificiale

Il Printemps des Arts 2018 chiude con una doppia prima assoluta di danza e musica in programma giovedì 26 aprile (repliche fino al 29) al Grimaldi Forum di Monaco. Commissionata dal festival monegasco, in collaborazione con i Balletti di Monte-Carlo, verrà eseguita in prima assoluta una nuova composizione di Bruno Mantovani dal titolo “Abstract pour violoncelle et orchestre” insieme ad una nuova coreografia di Jean- Christophe Maillot, direttore dei Balletti di Monte-Carlo. Sodalizio artistico che si ispira a quello celebre e storico di George Balanchine e Igor Stravinski che verrà proposto in apertura della serata con il “Concerto per violino in re maggiore”. Ad accompagnare il Corpo di Ballo di Monte-Carlo, l’Orchestra Filarmonica monegasca diretta da Pascal Rophé e i solisti Liza Kerob (violino) e Marc Coppey (violoncello).
Questa edizione del Festival ha visto un Mozart in una veste poco conosciuta; la musica americana di Charles Ives e di Morton Feldman; il viaggio a sorpresa per stupire; Monaco Music Forum che mescola con una vena di follia la musica con strumenti rari a giocolieri e fanfare; i giovani talenti, bravissimi e promettenti solisti; le chanson dei trovieri, straordinari poeti e musicisti contesi da tutte le corti del XIII secolo; il clarinetto in tutte le sue declinazioni; l’opera con una finestra sul surrealismo russo, “Quatre jeunes filles” di Edison Denisov, prima monegasca e francese, in versione da concerto. “Il Printemps des Arts è un panorama di differenti musiche, stili, epoche, e di diversi tipi di pubblico. Ma è anche il risultato di un lavoro che investe sui giovani, pubblico del domani che va formato. Penso che la responsabilità di un festival sia quella di fare conoscere giovani artisti, repertori e autori ancora poco noti, esplorando la musica cosiddetta “classica” per mostrare che non lo è affatto. Basta ascoltarla attraverso nuove formule, coinvolgendo interpreti che amano rischiare e uscire da sentieri battuti”.
La qualità della formazione dei musicisti in Europa è in crescita. Semmai il problema è che si tende e a foramre solisti che poi magari andranno a ingrossare le fila delle orchestre portando con sé una certa frustrazione. Ma anche questo è è nella natura delle cose.

Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli