lunedì, Aprile 15, 2024

Regione, Novelli (M5S): "Zingaretti azzeri le nomine dei presidenti parchi"

“Nonostante nel mese di agosto sia continuata l’infornata di nomine sotto l’ombrellone dei presidenti dei parchi laziali, voglio lanciare ugualmente un appello al Governatore Zingaretti affinchè ritiri questi nomi calati dall’alto e inizi a ragionare con la Commissione Agricoltura e Ambiente condividendo le sue scelte. Oltre, infatti, alle prime sette nomine di cui ho già parlato in precedenza, se ne sono aggiunte altre due con un nuovo decreto che porta la data del 3 agosto. Sto parlando del ’Parco Naturale Regionale dei Monti Aurunci’, per cui Zingaretti ha scelto come presidente Marco Delle Cese e per il ’Parco Naturale Regionale dei Castelli Romani’, l’ingegner Gianluigi Peduto”. Così in una nota Valerio Novelli, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e Presidente della Commissione regionale Agricoltura e Ambiente.
“All’appello, quindi, mancherebbero ancora altri due presidenti dei parchi – continua Novelli – e, quindi, visto il ritardo su queste due nomine, la mia proposta è di riazzerare tutto e partire con un confronto serio su tutti i parchi laziali in commissione. Come Presidente della Commissione Agricoltura e Ambiente ci sarà tutto il mio impegno nel lasciare gli spazi alle proposte delle forze politiche e dei soggetti del territorio. E’ bene sottolineare che l’iter che sta seguendo il Presidente Zingaretti è consentito dalla legge, tuttavia, come da lui stesso sottolineato ad inizio legislatura, è priorità di questa Giunta avviare un dialogo con tutte le forze politiche superando la logica delle scelte imposte dall’alto. La mia proposta, condivisa da tutto il Movimento 5 Stelle, va proprio verso questa direzione auspicata dallo stesso Governatore.
Non c’è da parte mia – conclude il consigliere regionale – nessun pregiudizio sui nomi scelti per le presidenze, la critica, piuttosto, va nella metodologia e nella mancanza di condivisione in queste scelte che sono molto delicate. Il Presidente del parco è colui che gestirà materialmente la vita e le regole all’interno dell’area, una figura importantissima che non può essere decisa soltanto da Zingaretti, ma deve trovare il più ampio consenso politico e della società civile”.

Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli