Free Porn
xbporn
martedì, Luglio 16, 2024

Cesare Battisti è atterrato a Ciampino: dopo le formalità sarà internato nel carcere di Oristano

Cesare Battisti dopo 37 anni di latitanza è tornato in Italia e inizierà a scontare la sua pena. Il Falcon con l’ex terrorista a bordo, decollato da Santa Cruz de la Sierra, in Bolivia, è atterrato poco dopo le 11,30 all’aeroporto di Ciampino. Ad ‘accoglierlo’ ci sono il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini. Alle 14 è poi prevista una conferenza stampa a Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Cesare Battisti non andrà nel carcere romano di Rebibbia ma ad Oristano, ha annunciato il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. “E’ stato consegnato al Gruppo operativo mobile della Polizia penitenziaria e non sarà portato a Rebibbia ma a Oristano – ha spiegato il ministro – per ragioni di sicurezza”. Battisti dovrà scontare l’ergastolo ostativo. Il caso dell’ex terrorista rientra in quelli “del 4bis dell’ordinamento penitenziario”, ossia il suo curriculum criminale non consente di ottenere, al momento, una serie di benefici, riferiscono fonti giudiziarie milanesi. Battisti sarà probabilmente sottoposto a 6 mesi di isolamento diurno in cella singola.

ISOLAMENTO E CELLA SINGOLA

Battisti dovrà scontare l’ergastolo ostativo. Il caso dell’ex terrorista rientra in quelli “del 4bis dell’ordinamento penitenziario”, ossia il suo curriculum criminale non consente di ottenere, al momento, una serie di benefici, riferiscono fonti giudiziarie milanesi. Dovendo scontare la pena all’ergastolo, Battisti sarà probabilmente sottoposto a 6 mesi di isolamento diurno in cella singola. Queste, a quanto si apprende, le procedure di arresto previste. Sarà il Dap, il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, a decidere quale sarà il carcere in cui l’ex terrorista dovrà scontare il suo ergastolo.

COME E’ STATO CATTURATO

A incastrare Battisti è stata la tecnologia, svelano il procuratore generale di Milano, Roberto Alfonso e il sostituto pg Antonio Lamanna. E stata usata “una tecnologia molto avanzata, è stata seguita la scia internet, la localizzazione”, ma preferiscono non aggiungere altro visto che si tratta di un elemento che potrà portare a nuovi risultati. I magistrati confermano che ci saranno “ulteriori indagini” su eventuali complici, ma per capire a chi spetterà la competenza a indagare “aspettiamo un rapporto della polizia giudiziaria”.

LA RABBIA DEL FRATELLO DI BATTISTI

Vincenzo, fratello di Battisti, dice: “Tra poco in aereo rientra a Roma Cesare, mio fratello, e così abbiamo risolto tutti i problemi dell’Italia, le pensioni, il debito, tutto risolto con Battisti…”. “Non aggiungo altro – conclude -, ha già detto tutto il ministro Salvini…”. Battisti è stato condannato in Italia a due ergastoli per quattro omicidi: in due di essi, quello del maresciallo Antonio Santoro, avvenuto a Udine il 6 giugno del ’78, e quello dell’agente Andrea Campagna, avvenuto a Milano il 19 aprile del 1979, il terrorista sparò materialmente. Nell’uccisione del macellaio Lino Sabbadin, a Mestre, il 16 febbraio del ’79, invece, Battisti fece da copertura armata al killer Diego Giacomini e, nel caso dell’uccisione del gioielliere Pierluigi Torregiani, avvenuta a Milano il 16 febbraio del ’79, venne condannato come co-ideatore e co-organizzatore. In quest’ultimo caso, poi, all’omicidio si aggiunse un’ulteriore tragedia: nel corso della colluttazione, il figlio del gioielliere Alberto fu colpito da una pallottola sfuggita al padre prima che questi cadesse e da allora, paraplegico, è sulla sedia a rotelle. Pur riconoscendo di aver fatto parte dei Pac, Battisti si è sempre detto innocente.

Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli