venerdì, Aprile 19, 2024

Ancona, Luca Traini in aula: la difesa chiederà il rinnovo della perizia psichiatrica e l’esclusione del reato di strage con l’aggravante razziale

Luca Traini, condannato a 12 anni di carcere per il raid a colpi di pistola contro migranti a Macerata del 3 febbraio 2018 in cui ferì sei persone, è in aula ad Ancona per il processo davanti alla Corte d’assise d’appello presieduta da Giovanni Treré. L’imputato, 30enne, di Tolentino (Macerata), detenuto nel carcere anconetano di Montacuto, è arrivato con il furgone della polizia penitenziaria scortato dagli agenti: giacca nera, camicia bianca e jeans. Prima dell’udienza il suo difensore, Giancarlo Giulianelli, che chiederà la rinnovazione della perizia psichiatrica, ha ribadito tesi e istanze difensive: esclusione del reato di strage e dell’aggravante di odio razziale, attenuanti generiche.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli