test
sabato, Giugno 15, 2024

Le opposizioni chiedono una commissione consiliare sulla gestione dei fondi per l’emergenza Covid-19

 

Comunicato congiunto firmato da tutti i gruppi consiliari di opposizione

Dai gruppi consiliari di opposizione a Ladispoli riceviamo e pubblichiamo – In questi giorni di difficoltà per l’Italia e per Ladispoli abbiamo sempre mantenuto un comportamento collaborativo e comprensivo nei confronti della maggioranza del Sindaco Grando. Riteniamo doveroso ringraziare i dipendenti dell’Ente e della partecipata Flavia Servizi che, nonostante la carenza di risorse umane, stanno facendo fronte a questa emergenza. Cosi come ringraziamo collegialmente le associazioni di protezione civile, le associazioni del terzo settore e i singoli volontari che, ad ogni livello, stanno contribuendo a sostenere le fasce più deboli della nostra comunità. All’amministrazione dobbiamo invece ricordare che l’eccezionalità di questa emergenza, non può tradursi in una sospensione totale del confronto con le forze politiche di opposizione: sia riguardo le azioni intraprese per gestire l’emergenza Covid19 sia, in maniera più generale, per tutte quelle che riguardano Ladispoli. Il Covid19 sta generando effetti che avranno un impatto pesante sull’economia dell’intero sistema Italia; Ladispoli, la cui economia si fonda essenzialmente sui due pilastri del turismo e del commercio, non ne sarà immune. L’ultimo contatto avuto con l’amministrazione Grando, risale al 1° aprile scorso, quando, con una commissione informale dei capigruppo svolta in video conferenza, il Sindaco ha illustrato la linea dell’amministrazione riguardo l’emergenza Covid19. Da allora, però, sono accadute diverse cose: il Governo centrale e la Regione Lazio hanno stanziato circa € 500.000,00 per far fronte al bisogno di beni di prima necessità delle fasce deboli. Fondi importanti, seppur insufficienti a rispondere al disagio socio/economico scaturito dalla quarantena. Fondi, senza alcun dubbio, di molto superiori alla fantasiosa previsione del sindaco Grando che aveva annunciato ai cittadini “contributi da pochi euro”, per un totale di circa 80.000, facendo di fatto circolare una fake news sui social, nel pieno stile di approccio alla politica del suo leader Salvini. Propaganda politica che, di questi tempi, sarebbe doveroso evitare e che non aiuta i cittadini che, dall’amministrazione, aspettano risposte e azioni concrete. Così, in seguito alle erogazioni di Stato e Regione, l’amministrazione Grando ha pubblicato il bando per l’attribuzione dei buoni spesa, ha redatto la graduatoria e sta provvedendo alla consegna degli stessi buoni che però, nella veste grafica, sembrano richiamare una lista elettorale di maggioranza. Tuttavia, a seguito della consegna della prima trance di buoni, molti cittadini esclusi (e non) ci hanno chiesto approfondimenti tanto sulla formazione della graduatoria quanto riguardo i controlli sui buoni già emessi, ravvisando ulteriori difformità rispetto ai tentativi di sciacallaggio già smascherati. Per questo motivo abbiamo richiesto al Presidente del Consiglio un’altra commissione informale dei Capigruppo: per confrontarci con l’amministrazione. Tale momento di confronto ci è stato negato con l’invito a rivolgerci individualmente e direttamente al sindaco per avere informazioni di sorta. Riteniamo inaccettabile l’esclusione delle forze rappresentate (e non) in consiglio dalle scelte gestionali dell’emergenza Covid19. Negare momenti di confronto collettivi è lesivo della democrazia cittadina e del ruolo di rappresentanza che, gli elettori, hanno a noi delegato. Nel tentativo di riportare l’amministrazione al rispetto delle regole democratiche, abbiamo inoltrato richiesta di una commissione consiliare servizi sociali urgente, a cui non abbiamo ancora avuto risposta. In attesa di risposte sulla Commissione Consiliare, che si sarebbe potuta evitare con un po’ di buon senso continueremo, ognuno con il proprio impegno politico e sociale, ad aiutare chi si trova in maggiore difficoltà e a raccogliere le istanze inascoltate dei cittadini. Ladispoli 21 aprile 2020. Movimento Civico “Si Può Fare” – Loddo Giuseppe. Movimento Civico “Ladispoli Città” – Trani Eugenio, Concetta Palermo. Movimento Civico “Insieme per Ladispoli” – Fabio Ciampa. Movimento 5 Stelle – Antonio Pizzuti, Ida Rossi, Francesco Forte. Partito Democratico – Federico Ascani, Marco Pierini.

Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli