giovedì, Febbraio 22, 2024

Emergenza coronavirus, 74 parlamentari della Lega hanno passato la notte nelle aule della Camera per protestare contro il Dpcm

Sono 74 i parlamentari della Lega che hanno trascorso la notte nelle aule della Camera e del Senato. Presenti, tra gli altri, Matteo Salvini a Palazzo Madama ed entrambi i capigruppo nei rispettivi emicicli. Stamane proseguirà la staffetta di deputati e senatori che non ostacoleranno i lavori parlamentari già previsti. Anzi, fanno notare, sono i deputati della maggioranza che hanno chiesto (e ottenuto nella capigruppo) che domani l’Aula di Montecitorio non votasse il decreto, rimandato a martedì prossimo, per “esser certi di riuscire a partire entro il 10 maggio”. Una “vergogna” e un “affronto” nei confronti di milioni di italiani che un lavoro non ce l’hanno più o, nel migliore dei casi, è sospeso come la vita di tutti in questa emergenza da Covid 19. “Noi resteremo a oltranza nelle aule rispettando le regole e silenziosamente”, fanno sapere i rappresentanti della Lega, finché “il governo non darà risposte precise sul fronte della sicurezza sanitaria, della ripresa del lavoro, del ripristino delle libertà, dei diritti e della democrazia nel Paese e nel Parlamento”. Al momento però, l’unica certezza è che il “tanto sbandierato decreto aprile è definitivamente sparito dalle agende dell’esecutivo e prima di maggio il governo non approverà alcun provvedimento. Intanto famiglie e imprenditori continuano a soffrire”.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli