domenica, Maggio 26, 2024

Il Comune di Ladispoli sospenderà per il periodo del corona virus il pagamento dei canoni alle società sportive locali

“In questo momento di crisi generale del mondo del lavoro sia per i lavoratori dipendenti privati e anche per chi ha preso in gestione bar ristoranti negozi ecc, anche il mondo dello sport, oltre ad aver perso la passione per le partite giocate, ci sono tante persone in Italia che gestiscono società sportive ed associazioni di tutte le discipline: calcio, pallavolo, pallacanestro, rugby, atletica, tennis, ecc, ed esistono anche altre realtà sportive di chi ha la gestione onerosa di centri sportivi comprensivi di piscine, palestre, campi da tennis, di calcetto, padel, molte strutture che con la chiusura da più di mesi, dove dietro ci sono molte famiglie che hanno investito queste strutture mettendo a garanzia i propri immobili, i propri risparmi, una vita di lavoro, oggi soffrono della mancanza dei loro soci, che rappresentano il loro pane quotidiano”. E’ quanto ha affermato il consigliere di Fratelli d’Italia Giovanni Ardita che continua dichiarando “Il Governo le Regioni dovranno dare la possibilità di sopravvivere a chi ha creduto da anni di aprire e gestire impianti di calcio, di pallavolo, pallacanestro piscine e palestre. In questi giorni il Credito Sportivo si sta adoperando dando vita ad un nuovo bando, che permetterà a queste società sportive ed associazioni sportive di avere in breve tempo un minimo di 3.000 euro a un massimo di 25.000 euro, nella misura massima consentita del 25% del fatturato dell’ultimo bilancio o delle entrate dell’ultimo rendiconto (in entrambi i casi almeno il 2018), regolarmente approvati dalla Società o dalla Associazione. La documentazione necessaria sarà reperibile nei prossimi giorni, non appena sarà concluso l’iter formale del decreto ministeriale, già sottoscritto dal Ministro Spatafora, che definisce i criteri di funzionamento del Fondo di Garanzia-Comparto Liquidità”.

L’ANNUNCIO – “Il nostro comune -continua Ardita –  comprendendo i disagi che hanno avuto le società sportive locali, che hanno impianti comunali, per le due società calcistiche locali e l’impianto della pallavolo, ha deciso di non far pagare  per i mesi del corona virus la locazione alle società sportive che ne hanno la gestione, ritengo giusta la decisione del sindaco Grando, che ha ben compreso da ex calciatore che anche lo sport con chi ha onerosamente da anni gestito società sportive locali di venire incontro ai disagi economici che hanno dovuto affrontare. Auspico che il governo aiuti attraverso l’emanazione di un decreto e dando vita a contributi e finanziamenti a fondo perduto a favore di chi veramente ha investito nello sport costruendo strutture campi di calcio, pallavolo, pallacanestro, tennis, atletica e centri sportivi piscine e palestre, per una cultura dello sport che ha avuto sempre come primo obiettivo di togliere i ragazzi dalla strada e lontani dal male delle dipendenze”.

Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli