Pablo, un’eccellenza italiana nel mondo. L’artista si racconta: “Faccio il make up artist perchè amo la bellezza”

L’effetto che la bellezza fisica ha sulla nostra vita è davvero potente.

La celebre frase del grande romanziere russo Fiodor Dostoevskij

“la bellezza salverà il mondo”, denota il suo ruolo importante non solo dal punto di vista estetico ma anche morale.

 

di Manuela Biancospino

E’ impossibile negare l’importanza della bellezza esteriore soprattutto se si pensa all’influenza che ha in tanti settori della nostra vita; dal successo nelle relazioni interpersonali a quello nel lavoro, la prima impressione risulta determinante. Il rapporto della bellezza con il benessere psico-fisico è innegabile e spinge molte persone ad investire energie e denaro alla ricerca di un aspetto più gradevole ricorrendo a diete, esercizio fisico e alla cosmetica. Un’eccellenza tutta italiana nel settore del Make Up è senza dubbio Pablo, considerato uno dei migliori truccatori a livello internazionale. Nel 1996 rimane folgorato dall’incontro con il grande maestro del Make Up,Gil Cagnè, che lo considera da subito il suo braccio destro e dal quale assorbe tutta la passione e l’arte, ereditandone la filosofia. Oggi Pablo è infatti responsabile artistico e crea i prodotti della linea di trucco “Gil Cagnè” che vengono distribuiti da Baldan Group in tutto il mondo. Dal 2005 dirige il suo make-up Studio “Face Place” a Roma, dove forma giovani talenti. Collabora con alcuni dei più grandi eventi legati al mondo della bellezza come Miss Mondo, Miss Italia, Alta Moda Roma, Milano Collezioni, Fashion Week Londra, Parigi, New York e molti altri. Nel 2006 diventa docente e Master specializzato di trucco permanente. Forma molti dermopigmentisti ed inizia una collaborazione con le maggiori aziende italiane del settore. Pablo è inoltre docente di trucco presso la facoltà di cosmetologia dell’Università di Ferrara. Riceve numerosi riconoscimenti fra i quali il “Premio Assotutela 2018/19 per le Eccellenze Italiane”, presso la Sala Isma del Palazzo del Senato per il suo impegno a favore delle donne colpite da tumore o vittime di violenza. Sopriamo come nasce la passione di Pablo per questo lavoro e quali sono le qualità per diventare un grande professionista come lui. “Faccio il Make Up Artist perchè amo il bello. Adoro il mio lavoro, ci metto passione e dedizione per non deludere le clienti, con le quali da subito instauro un rapporto di complicità e di confidenza che mi permette di tirare fuori sensualità e bellezza, troppo spesso nascoste in loro. Tutte le donne sono belle, tutte le donne possono diventarlo ancora di più. Irregolarità e peculiarità del viso, imperfezioni della pelle, sono per me spunti, quasi delle sfide. Secondo la mia filosofia il trucco non deve coprire ma esaltare la bellezza senza nasconderla. Gli ingredienti magici per riuscir bene in questo mestiere sono la dedizione e la passione per quello che si fa. Questo è ciò che non si impara in nessun’aula e in nessun’accademia. Quello del Make Up Artist è un mestiere artigianale in quanto serve una spiccata manualità, ma è anche un lavoro di psicologia perché in ogni donna che si va a truccare, c’è sempre una piccola porticina. Bisogna saperla trovare, ed una volta che siete riusciti ad entrare, il vostro sarà un rapporto di fiducia completa”. Una donna dovrebbe mantenere la propria identità ed originalità amandosi e curando il suo total look. Una postura dritta e decisa completa l’opera, perché come ci ricorda Pablo, la bellezza viene fondamentalmente da dentro, il trucco aiuta solo ad esaltarla maggiormente