Coronavirus, l’Ema darà il parere definitivo sul vaccino Pfizer BionNTech il 21 dicembre

La sede dell'Ema, Agenzia Europea del Farmaco
Il parere dell’Ema sul vaccino Pfizer-BionNTech contro il coronavirus arriverà il 21 dicembre. La Bild inizialmente aveva fatto riferimento alla data del 23 dicembre, in anticipo in ogni caso rispetto all’ipotesi originaria del 29 dicembre, secondo il calendario dell’agenzia. L’Ema è nata al termine di oltre sette anni di negoziati tra i governi europei, sostituendo due organismi preesistenti, il CHMP (Committee for Medicinal Products for Human Use), formalmente conosciuto come CPMP (Committee for Proprietary Medicinal Products), e il CVMP (Committee for Veterinary Medicinal Products), entrambi istituiti nel 1977. La sede dell’agenzia era stata stabilita a Londra. A seguito della Brexit, il 20 novembre 2017 si è reso necessario fare la scelta di una nuova sede. La votazione segreta del Consiglio dell’Unione europea si è conclusa col sorteggio di Amsterdam, in seguito ad un testa a testa con Milano. Il trasferimento da Londra nei Paesi Bassi è avvenuto a marzo 2019, in una sede provvisoria presso la stazione di Amsterdam Sloterdijk, in attesa che l’edificio definitivo sia pronto (vicino alla stazione Amsterdam Rai). Il governo italiano e il comune di Milano hanno presentato ricorso, ma in data 15 marzo 2018 l’Unione europea ha confermato Amsterdam come sede dell’Ema, a condizione che l’intero processo di trasferimento (e quindi strutture definitive pronte) sia completato entro il mese di novembre del 2019.