lunedì, Aprile 15, 2024

Coronavirus, “lo stress test” in Sardegna slitta ai primi di gennaio

Slitta a gennaio, dopo le festività, l’avvio dello screening di massa con tamponi rapidi programmato dalla Regione Sardegna con la regia del virologo Andrea Crisanti. Uno “stress test” era previsto tra il 27 e il 29 dicembre su cinquantamila cittadini dell’Ogliastra, ma – ha spiegato a L’Unione Sarda e confermato  dall’assessore della Sanità Mario Nieddu – “durante il lockdown non sarebbe corretto mobilitare migliaia di persone, abbiamo sentito i sindaci e si è deciso di procedere a gennaio”. Lo stress test dovrebbe consentire di capire se si sta operando bene o se è necessario apportare correzioni per poi partire con una campagna vera e propria. Per lo screening sul territorio, la Regione utilizzerà i due milioni di test rapidi acquistati dall’Ats. Sono di due tipi: il primo è un tampone orofaringeo in grado di fornire l’esito entro 13 minuti, il secondo permette analizzare il campione tramite un piccolo apparecchio elettrico. Il grado di affidabilità è altissimo. I tamponi del primo tipo possono essere utilizzati anche all’aperto, in qualsiasi tipo di postazione, mentre i secondi necessitano di corrente elettrica. Il protocollo prevede che il test venga ripetuto dopo 7-8 giorni; coloro che risulteranno positivi saranno sottoposti a tampone molecolare.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli