Mareggiata anche a Campo di Mare, ancora problemi per gli stabilimenti

“Di stagioni brutte ne abbiamo avute tante ma il 2020 si conferma l’anno peggiore da quando abbiamo aperto, dal 1981.” Così Roberto Lazzeri, patron di “Spiaggia Renzi” all’indomani della forte mareggiata che ha spazzato tutto il litorale causando danni e disagi. Mentre Cerveteri veniva ferita dalla tromba d’aria, non andava meglio nella frazione balneare di Marina di Cerveteri, dove il moto ondoso si abbatteva sulle strutture balneari, fracassando paratie e recinzioni, con l’acqua del mare che entrava violentemente nelle verande. Mareggiate sempre più intense e danni sempre più ingenti da qualche anno a questa parte, secondo alcuni in particolare da quando è stato fatto il braccio di protezione a Torre Flavia, proprio per difendere il simbolo della città di Ladispoli. “Le mareggiate invernali sono sempre state forti – prosegue Roberto – ma da qualche anno a questa parte, tremiamo quando il mare assume quella potenza che abbiamo visto ieri mattina, quando era praticamente impossibile scendere dalla macchina e andare sulla spiaggia per verificare la situazione. Ieri pomeriggio come è calato il vento, il mare ha iniziato a salire sempre più sull’arenile, fino a sfondare le paratie invernali e raggiungere il cancello di ingresso dello stabilimento. Oggi siamo qui a cercare di ripristinare le protezioni con un occhio al mare ed uno alle previsioni meteo, che annunciano ancora maltempo per i prossimi giorni. Speriamo bene…”