venerdì, Aprile 19, 2024

La Basilicata resta in zona rossa: il Tar della Regione respinto il ricorso

La Basilicata resta in zona rossa. Il Tar della Regione, sezione prima, ha infatti respinto il ricorso presentato da dieci avvocati lucani contro l’ordinanza del Ministero della salute che sulla base dei dati epidemiologici ha stabilito la classificazione dell’intera regione in zona rossa dall’1 al 15 marzo. Gli avvocati hanno impugnato il provvedimento ritenendo che l’introduzione della zona rossa avrebbe dovuto escludere i Comuni nei quali il regime restrittivo non è giustificato perché non c’è una situazione epidemiologica che motivi le limitazioni. Per il Tar l’impugnazione è “infondata” perché è da escludere che il Ministero della salute nelle sue ordinanze “abbia la possibilità di differenziare al suo interno il territorio regionale”. Secondo la sentenza del Tar della Basilicata, a fronte dei dati epidemiologici ”il Ministro della Salute non poteva esimersi dall’istituire una zona rossa (aspetto non contestato dai ricorrenti) e, per quanto di rilievo ai fini del giudizio, dal ricomprendere in detto perimetro l’intero territorio regionale. Non era infatti possibile, in quella sede, differenziare l’efficacia territoriale delle misure adottate – si legge nella sentenza – al fine di tener conto delle peculiarità dei singoli comuni che insistono nel territorio regionale, in quanto l’attività amministrativa è vincolata all’osservanza della legge, la quale, individua la regione quale unità territoriale minima”.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli