lunedì, Aprile 15, 2024

Il sistema infrastrutturale scolastico del Lazio fa acqua da tutte le parti

Il 64% delle Scuole non dispone di un certificato di collaudo statico, il 65,6% non ha quello di agibilità, il 55,8% è privo della documentazione sulla prevenzione degli incendi e solo il 44% è dotato di impianti per lo sport

Il 64 per cento degli edifici scolastici mappati nel Lazio non dispone di un certificato di collaudo statico, il 65,6 per cento non ha quello di agibilità, il 55,8 per cento è privo della documentazione sulla prevenzione degli incendi e solo il 44 per cento è dotato di impianti per lo sport. E’ deludente la fotografia del sistema infrastrutturale scolastico laziale scattata da “Ecosistema scuola”, l’indagine condotta da Legambiente sulla qualità dell’edilizia e delle scuole nei capoluoghi di provincia. Con qualche limite, in verità: Roma, per esempio, ha fornito dati incompleti mentre Viterbo non ha neppure risposto. Il focus, compiuto principalmente su Frosinone, Latina e Rieti, testimonia croniche carenze non sanate neppure a fronte di possibili e pericolose emergenze: così, benché tutte le scuole ricadano in zona sismica 2, quindi soggetta a possibili terremoti, solo il 31,2 per cento è stato progettato o adeguato alla normativa vigente in tema di prevenzione. E non basta: seppure le indagini diagnostiche dei solai risultino fondamentali per prevenire fenomeni di crollo che possono rappresentare un pericolo per la sicurezza di studenti, docenti e personale scolastico, gli immobili ad uso didattico in cui risultano effettuate simili verifiche negli ultimi 5 anni sono stati solo il 45,6 per cento, mentre ci sono stati interventi di messa in sicurezza appena nel 6,4 per cento del campione analizzato (1.012 edifici, frequentati da 259.608 studenti). Rieti è, peraltro, l’unica città che ha svolto le indagini diagnostiche dei solai in tutti gli edifici sul proprio territorio. Ma quali sono, in ambito nazionale, le aree virtuose? L’indagine di Legambiente indica in Parma un esempio di azione efficace, e di lungo periodo, in termini di investimenti destinati alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle scuole. “La ricerca rappresenta uno stimolo di miglioramento per tutti – ha dichiarato Federico Pizzarotti, sindaco della città emiliana – . Si tratta di un tema prioritario anche alla luce dell’emergenza Covid-19, facendo perno anche sul Recovery fund, cercando di snellire le procedure burocratiche e premiando chi ci investe”. Per il resto, nel resto d’Italia, il quadro rivela una generalizzata situazione di difficoltà: su un totale di circa 40.200 edifici, il report rivela che in sette anni meno della metà dei progetti finanziati per l’edilizia scolastica è stato concluso. Dal 2014 al 2020, in particolare, su 6.547 progetti previsti, 4.601 sono stati finanziati e solo 2.121 portati a termine. Dallo studio emerge anche che il 29 per cento degli edifici necessita di interventi urgenti e che una scuola su due non ha impianti per lo sport: mancano in oltre il 60 per cento delle scuole del Centro, nel 55 per cento circa di quelle del Sud e quasi nel 64 per cento di quelle delle isole. Per quanto concerne, infine, la tipologia della didattica, il tempo pieno è predominante ma solo al Centro Nord: è previsto nel 67,8 per cento di scuole nel Centro Italia, quasi nel 40 per cento nel Nord, nel 9,5 nel Sud e nel 18,4 nelle isole. In un simile contesto pressoché emergenziale, almeno una buona notizia, comunque, c’è: il governo ha infatti sbloccato 1 miliardo e 125 milioni di euro destinate proprio interventi di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza, ricostruzione e riqualificazione energetica delle scuole secondarie di secondo grado. Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha infatti firmato il decreto ministeriale che attribuisce tali risorse direttamente alle Province e alle Città metropolitane.
Vittoria Borelli
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli