Cinema, si è spento a 79 anni il regista francese Bertrand Tavernier: indimenticabile autore di “Round Midnight”

Il registra francese Bertrand Tavernier
È morto a 79 anni il regista e scrittore francese Bertrand Tavernier. Tra i film realizzati, ‘Colpo di spugna’, ‘Che la festa cominci’ e ‘La Vita e niente altro’. A undici anni studia in un collegio di religiosi in Normandia. Nel 1957 è ammesso al prestigioso Liceo Henri IV dove conosce il regista Volker Schlöndorff, con cui condivide l’interesse per il cinema e insieme al quale frequenta le sale del Quartiere Latino e la Cinemateca. Bertrand Tavernier interrompe rapidamente gli studi di diritto, a cui si era inizialmente indirizzato, per consacrarsi alla passione per il cinema. Nei dieci anni successivi si distingue come sceneggiatore per i registi Riccardo Freda e Jean Leduc. Ma è nel 1974, a trentadue anni, che avviene il suo esordio vero e proprio nella regia con il primo lungometraggio, L’orologiaio di Saint-Paul. Il film vince l’Orso d’Argento al festival di Berlino e il Premio Louis-Delluc, “…affermandosi immediatamente per il rigore dello stile, la perfetta condotta degli attori, un gusto raffinato che riusciva a coniugare ottimamente cinema e letteratura” (Gianni Rondolino). Indimenticabile “Round midnight” (1987), memorabile affresco sul mondo del jazz a Parigi negli anni ’50.