Coronavirus, parla il premier Draghi: “La riapertura delle scuole sino alle media in zona rossa dovrà avvenire in modo ordinato, con in alcuni casi test a studenti”

Il premier Mario Draghi
“Riapertura della scuola fino alla prima media” in zona rossa. Così il premier Mario Draghi, nella conferenza stampa al termine della cabina di regia con i ministri sul prossimo decreto Covid. La riapertura, spiega il premier, dovrà avvenire “in modo ordinato, con in alcuni casi test a studenti”. Per quanto riguarda il vaccino Sputnik, continua Draghi, “non è stata ancora presentata formale domanda all’Ema, che sta facendo una review sulle varie componenti del vaccino. Non è previsto che l’Ema si pronunci di 3 o 4 mesi. Se va bene, il vaccino sarebbe disponibile nella seconda parte dell’anno”. E sul tema dei sanitari non vaccinati, continua il premier, “il governo intende intervenire. Non va assolutamente bene che operatori non vaccinati siano a contatto con malati. Il ministro Cartabia sta preparando un provvedimento a riguardo. La forma di questo provvedimento – come si esplica, le sanzioni – è tutto da vedere”. Aggiunge il ministro della Salute Roberto Speranza: “Si tratta di una quota residuale, un pezzetto minimale” di operatori non vaccinati. “La stragrande maggioranza di medici e infermieri ha risposto in maniera volontaria dando il buon esempio”.