Il Sindaco di Cerveteri riconosce la seconda mamma di una bambina

“A Cerveteri crediamo profondamente che a tutti debbano essere riconosciuti i diritti civili”, scrive Alessio Pascucci. Il Sindaco di Cerveteri ha sottolineato così il gesto compiuto l’altro pomeriggio, presso l’Ufficio di Stato Civile del Comune. “Ho avuto l’onore di procedere al riconoscimento genitoriale della seconda mamma di una bambina”, ha detto. “Ho fatto un gesto di disobbedienza civile, lo so. Ma era indispensabile perché in altri Comuni (come in quello in cui la coppia risiede), questo diritto era stato negato”. “A questa coppia, ma soprattutto alla loro meravigliosa bambina, rivolgo i miei più sentiti auguri. È triste che ancora oggi, nel 2021, ci sia chi vuole decidere cosa sia una famiglia e quale sia quella “tradizionale”. Si dovrebbe pensare soltanto a garantire il primario interesse dei figli, che è indispensabile che vedano riconosciuto il diritto di essere genitore a coloro che li amano e che hanno deciso di crescerli”. “A Cerveteri crediamo che esista una sola famiglia tradizionale: quella che si prende cura dei figli con amore”, ha sottolineato Pascucci. “Da Sindaco e da cittadino italiano ho ritenuto un dovere accogliere la richiesta di questa coppia. E continuerò a farlo con tutte le domande che verranno in futuro. Nella speranza che prima o poi anche i nostri legislatori si accorgano di dove sia il mondo reale. Perché un popolo e il suo grado di civiltà si giudicano anche dai diritti che tutelano”.