Recisi i fili dei nuovi megafoni sul lungomare Regina Elena

A poche settimane dalla loro installazione i mefagoni installati su tutto il lungomare ladispolano ieri mattina non hanno trasmesso. Recisi i fili all’altezza di piazza dei Caduti, sul tratto centrale del lungomare Regina Elena. Molto probabilmente si è trattato di un atto vandalico, ma per averne certezza ora bisognerà ricorrere ai filmati delle telecamere di videosorveglianza poste a pochi metri da dove i fili dei megafoni sono stati recisi. Dal taglio, comunque, sia gli agenti della Polizia locale che il vicesindaco e assessore al Demanio Marittimo, Pierpaolo Perretta, hanno escluso possa essersi trattato di usura. E già ieri, subito dopo il fatto i tecnici sono intervenuti per riparare il guasto e riattivare i megafoni. Nel frattempo sui social gli animi dei ladispolani si sono divisi: a chi ha apprezzato l’idea , va ad aggiungersi chi invece ha puntato il dito contro la decisione di un tale provvedimento che andrebbe a “disturbare” la quiete dei bagnanti che magari sotto l’ombra del proprio ombrellone vorrebbero concedersi un po’ di pace e silenzio. Quello dello speakeraggio è uno dei servizi messi in campo dall’amministrazione, tramite i fondi regionali destinati alla sicurezza in spiaggia, per fornire informazioni utili agli avventori: dalle spiagge meno affollate dove potersi recare, alle regole da osservare sugli arenili liberi. Il tutto con degli intermezzi musicali.