Campidoglio, Calenda critica il Pd: “Un voto dato alla destra. Ripetono sempre e solo le stesse cose. Mai un’idea”

Il campidoglio e nel riquadro piccolo Carlo Calenda, leader di Azione
“Un voto dato alla destra’. Ripetono sempre e solo le stesse cose. Mai un’idea. Però posso essere considerato simpatico e capace. Ma solo dalla destra. Sia chiaro”. Lo scrive Carlo Calenda su Twitter commentando le dichiarazioni del segretario regionale del Pd Lazio, Bruno Astorre. “E’ chiaro che ogni voto dato a Calenda è un voto dato alla destra – aveva spiegato Astorre parlando delle elezioni romane -. Non mi nascondo che può essere considerato uno capace e simpatico, ma ogni voto dato a lui è un voto alla destra”. “Io dialogo con tutti gli avversari – aveva aggiunto stamani il candidato alle primarie Pd per il sindaco di Roma Roberto Gualtieri -, Calenda ha scelto di essere un avversario del centrosinistra perché non ha voluto partecipare alle primarie. Rispetto le scelte di tutti i candidati, ma oggettivamente ha fatto una scelta diversa”.