La politica a due velocità di Cerveteri

Il 27 giugno i militanti del comitato Flat-Tax in piazza con i banchetti per la riforma fiscale

di Alberto Sava
A Cerveteri la politica va avanti due velocità: quella localistica fatta da personaggi che da decenni siedono in consiglio comunale ed occupano incarichi istituzionali, senza mai andare oltre… Poi c’è la politica locale che guarda e segue con attenzione anche i temi generali dei partiti nazionali. Sappiamo tutto dei sacchetti dello scempio ‘indifferenziato’ ambientale di Cerenova, o dell’erba alta lungo via dei Vignali, ma non abbiamo sentito una parola sul clamoroso gesto di “disobbedienza civile” del sindaco Alessio Pascucci, in merito ad un riconoscimento genitoriale omologo, non previsto dalla legge, a differenza delle unioni. Non abbiamo ancora sentito una parola dai politici locali sulla formale presa di posizione della Santa Sede, attraverso i canali diplomatici, fatto questo mai accaduto prima, presso lo Stato italiano sul ddl zan. Finalmente la Chiesa difende il diritto dei cattolici a dissentire. Cosi come il presidente della Figc, Gravina, ha difeso il sacrosanto diritto di libera scelta dei giocatori della nostra nazionale di inginocchiarsi o meno. L’ipocrisia totalizzante del politjcally correct comincia a mostrare smagliature. Per fortuna la politica locale non è fatta solo di ‘personaggi in carriera’, ma anche di militanti, di tutti gli schieramenti, pronti ad impegnarsi su temi di interesse nazionale di carattere generale, con ricadute locali. La lega è da sempre impegnata sulla riforma fiscale ed il prossimo 27 giugno i militanti del comitato della Flat Tax Cerveteri, torneranno con i loro banchetti nelle piazze ceretane per la raccolte firma a sostegno di questa battaglia del carroccio. Nella nota che segue i militanti del comitato Flat Tax Cerveteri scrivono: “La grave crisi sanitaria iniziata da quasi due anni, ha messo a dura prova tutte le attività produttive in particolare quelle del settore turistico e della ristorazione, ma tutti i settori produttivi sono stati interessati con forti ripercussioni negative. Dagli imprenditori sono stati fatti grandi sacrifici spesso vanificati dalle importanti restrizioni imposte e che hanno condotto a delle perdite economiche che in molti casi sono state talmente consistenti al punto da far chiudere del tutto e rinunciare alle riaperture, abbandonando perciò la propria attività produttiva. Oggi sul tavolo del governo è depositata in attesa di essere presa in esame l’unica vera riforma del settore fiscale che rilancerebbe le attività economiche e commerciali di tutti i settori produttivi, e che darebbe lo slancio ad una vera ripresa dei consumi, stiamo parlando della FLAX TAX fase II chiunque può leggerla scaricandola dal web https://tassaunica.s3.eu-south 1.amazonaws.com/2020/05/Flat-Tax-famiglie_riduzione-Irpef-e-Ires_Irpef-incrementale-con-firme-Def-2-CLEAN.pdf.pdf “ dal titolo I della fase II” …Attualmente, la tassazione del reddito è su base individuale e caratterizzata da meccanismi di determinazione della base imponibile e dell’imposta a volte molto complessi. L’obiettivo della presente proposta di legge, dunque, è duplice: da un lato, creare una semplificazione del sistema e, dall’altro, giungere, quantomeno con riguardo a soglie non elevate di reddito, a una riduzione della pressione fiscale complessivamente gravante sulle famiglie. A tal fine, è noto che la tassazione individuale, in presenza di aliquote progressive, rende, per un dato reddito familiare, l’onere tributario complessivamente dovuto da una famiglia maggiore al crescere del grado di dispersione con cui il reddito si divide tra i coniugi. La presente proposta di legge intende, dunque, provvedere alla revisione del trattamento tributario del reddito familiare con l’introduzione della FLAT TAX per le famiglie fiscali. Questa seconda fase della flat tax si inserisce tra le misure economiche con le quali lo Stato, in attuazione dell’articolo 31 della Costituzione, intende agevolare le famiglie con carichi familiari, In particolare, il regime forfettario rappresenta il regime naturale applicabile ai contribuenti della famiglia fiscale che, nell’anno precedente, hanno conseguito un reddito familiare, determinato secondo le disposizioni della presente proposta di legge, non superiore (i) a euro 30.000 nel caso in cui la famiglia fiscale sia composta da un unico contribuente senza coniuge e senza familiari a carico (cd. famiglia monocomponente), (ii) a euro 55.000 nel caso in cui la famiglia fiscale sia composta da un contribuente e da almeno il coniuge a carico o un familiare a carico (cd. famiglia monoreddito) e (iii) a euro 70.000 nel caso in cui la famiglia fiscale sia composta da due coniugi contribuenti, a prescindere che abbiamo o meno familiari a carico (cd. famiglia bireddito). Resta salva, per i contribuenti della famiglia fiscale, la possibilità di applicare il regime ordinario esercitando l’opzione, con apposito modulo previsto dall’Agenzia delle entrate, da ritenersi valida per ciascun anno successivo a quello dell’opzione, fino a quando permane la concreta applicazione della scelta operata… La proposta di legge che vorremmo venisse divulgata e discussa al più presto, siamo convinti che ridarebbe slancio all’economia ma soprattutto creerebbe un meccanismo virtuoso e attirerebbe investitori nel paese cosa che oggi invece tendono ad uscire e trovare opportunità in altri paesi dove il regime fiscale è più congruo e rispettoso del lavoro. Noi del comitato Flat-Tax siamo convinti che il sistema fiscale debba essere riformato e riscritto in termini semplici e comprensibili da tutti, che non lasci dubbi nella sua interpretazione e sia soprattutto equa nella sua applicazione. Questa proposta di legge è l’unica che risponde alle esigenze del paese, semplifica i concetti e riduce la pressione fiscale attualmente oppressiva e poco rispettosa del lavoro autonomo. Vi ricordiamo, ancora una volta, che il 27 giugno p.v. saremo con il nostro gazebo tra la gente per informarla e raccogliere firme a sostegno di questa riforma affinché venga discussa e resa legge a tutti gli effetti il prima possibile. Vi aspettiamo”, conclude la nota.