L’avv. Renzo Marchetti nominato nuovo coordinatore di Fratelli d’Italia a Ladispoli

Fratelli d’Italia a Ladispoli ha un nuovo coordinatore: si tratta di Renzo Marchetti. “Con immenso orgoglio e un pizzico di emozione – scrive Marchetti – ricevo la nomina di coordinatore comunale di Fratelli d’Italia per Ladispoli. Lavorerò duramente per la crescita del partito e per la creazione di un gruppo forte e coeso che sicuramente rappresenterà un pilastro fondamentale della coalizione di centrodestra (dunque il matrimonio con Lega e Forza Italia a sostegno della candidatura del sindaco uscente Alessandro Grando sembra essere celebrato, ndr). Ringrazio di cuore – ha proseguito Marchetti – il coordinatore provinciale, l’onorevole Marco Silvestroni per la rinnovata fiducia, e il presidente Giorgia Meloni”. “Un ringraziamento a parte – ha proseguito Marchetti – lo devo all’amico Giorgio Salvitti, uomo di partito, che con pazienza e dedizione si è messo a disposizione al fine di gettare le basi per la creazione di un gruppo eccellente e attrattivo per la cittadinanza”. E a complimentarsi con Marchetti per la sua nomina è anche il segretario d’aria della Lega, Luca Quintavalle: “Ho lavorato sempre, da segretario d’area, perché Fratelli d’Italia potesse a pieno titolo nella coalizione di centrodestra che accompagnerà il sindaco Alessandro Grando alle prossime elezioni. A Renzo vanno i miei complimenti e i miei più sinceri auguri: farà bene, ne sono sicuro”.
AGGIORNAMENTO del 1.12.2021.ore 19.13

Ardita: “Faccio un passo indietro”

“So che qualcuno gioirà per quello che sto per dirvi, ma sono sicuro che saranno molti ma molti di più gli amici che si rammaricheranno, oggi dopo tante battaglie ho deciso di ridurre la mia attività politica, sono stanco di parlare ad istituzioni sorde e deluso da un progetto in cui avevo fortemente creduto: “il grando cambiamento per la nostra città”. Dedicherò molto più tempo a quell’istituzione in cui fortemente credo, e in cui per storia e tradizione dovrebbe credere anche l’attuale maggioranza, o almeno la residuale minoranza che a loro dire  si professa di destra, cioè la famiglia”. A parlare è un amareggiato Giovanni Ardita, consigliere comunale in quota Fratelli d’Italia, che tiene però a chiarire: “Attenzione però Giovanni Ardita non si dimette, primo per rispetto degli elettori che mi hanno dato fiducia, secondo per non darla vinta a chi crede che insediandosi in un comune si possa privatizzare la cosa pubblica e quindi fare i propri comodi. Non vi preoccupate il leone della destra manterrà un occhio vigile su sprechi e malefatte che si dovessero perpetrare all’interno del palazzetto comunale, e sarà pronto a denunciare ogni cosa non vada bene e che non si fa nell’interesse della collettività e della città. Il mio è un percorso che viene da lontano, non sono né un improvvisato né un politico a gettone, capace solo di alzare la manina a comando, ho sempre detto la mia prendendomi le mie responsabilità. A chi in politica si crede arrivato solo perché unto dal signore vorrei ricordare che questa città ha sempre creduto in me e mi ha dato sempre molte soddisfazioni decretandomi come consigliere più votato di Alleanza Nazionale e della storia dei due comuni di Ladispoli e Cerveteri, e confermando questa fiducia nel 2017 risultando il consigliere più votato di Fratelli d’Italia. Fiducia che c’è sempre stata e che per me è stata la benzina per le mie battaglie, anche se per la mia città avrei voluto fare di più, ma non mi è stato permesso. Lo riconosco, nelle mie battaglie mi sono fatto molti nemici in politica. Quindi da oggi – conclude Ardita – ci sentiremo un po’ meno, dico solo ai furbetti di non brindare, il leone della destra non molla sta solo riposando per riprendere le forze per le battaglie decisive, mentre agli amici ed ai miei concittadini dico che Giovanni Ardita sarà sempre al loro fianco! Non escludo il mio ritorno, ma adesso e più importante che dedichi il mio tempo alla mia famiglia e non ad altro”.