asyabahisgo1.com www.dumanbetyenigiris.com pinbahisgo1.com sekabet-giris2.com www.olabahisgo.com www.maltcasino-giris.com www.faffbet.net betforward1.org www.1xbet-farsi3.com www.betforward.mobi www.1xbet-adres.com 1xbet4iran.com romabet1.com www.yasbet2.net 1xirani.com romabet.top
mercoledì, Maggio 29, 2024

Torre del Greco (Napoli), la madre del bimbo annegato ha confessato l’omicidio del figlio

Ha confessato l’omicidio A.G., la donna di 40 anni il cui figlio è morto annegato nelle acque antistanti località La Scala a Torre del Greco (Napoli). Questo si apprende da fonti investigative, che sottolineano come la donna abbia sostanzialmente ammesso di avere contribuito alla morte del figlio nella convinzione che lo stesso soffrisse di ritardi mentali. Nonostante gli interventi di alcuni presenti, per il piccolo di due anni e mezzo non c’è stato nulla da fare. Secondo quanto riferisce la Procura, non c’era alcuna conferma dal punto di vista sanitario che il figlio fosse affetto da problemi di ritardo mentale. A dare l’allarme, ieri sera è stato il marito della donna: è stato lui a segnalare alle forze dell’ordine l’allontanamento da casa intorno alle ore 21. La donna, nella serata di ieri, è stata ritrovata in mare, sul litorale torrese, con il bambino tra le braccia. La tragedia è avvenuta tra le ore 22.30 e le 22.45 di ieri, 2 gennaio 2022. Alcuni testimoni hanno raccontato di avere sentito la donna urlare e chiedere aiuto, anche se non è chiaro se anche lei fosse in acqua o se fosse rimasta sulla battigia. Alcuni ragazzi si sarebbero avvicinati per soccorrere lei e il bambino, ma non c’era più nulla da fare per il piccolo. Nelle scorse ore era anche circolata la voce che si fosse trattato di un tentativo di suicidio: cioè la quarantenne avrebbe provato a uccidersi portando con sé il bambino di appena due anni. La donna è stata condotta nella caserma dei Carabinieri dove è stata interrogata, alla presenza del difensore di fiducia, dal pubblico ministero della Procura di Torre Annunziata che, al termine dell’interrogatorio, aveva emesso un decreto di fermo nei suoi confronti.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli