asyabahisgo1.com www.dumanbetyenigiris.com pinbahisgo1.com sekabet-giris2.com www.olabahisgo.com www.maltcasino-giris.com www.faffbet.net betforward1.org www.1xbet-farsi3.com www.betforward.mobi www.1xbet-adres.com 1xbet4iran.com romabet1.com www.yasbet2.net 1xirani.com romabet.top
mercoledì, Maggio 29, 2024

Gubetti: “Torre Flavia tra gli ambienti con maggiori diversità biologiche”

L’intervento dell’Assessora alle Politiche Ambientali in occasione della Giornata Mondiale delle zone umide

Oggi 2 febbraio Giornata mondiale che celebra le zone umide è stata una meravigliosa occasione per visitare ancora una volta la Palude di Torre Flavia, scrigno di biodiversità e di bellezza. Questa giornata è stata istituita nel 1997 a seguito della Convenzione di Ramsar, nell’omonima città dell’Iran. Si tratta di un accordo, firmato nel 1971 da 168 paesi, che riconosce a livello mondiale l’importanza di questi habitat e la conseguente necessità di tutelarli, conservarli e proteggerli. Tra i punti salienti nell’agenda della Strategia UE per la tutela della biodiversità al 2030 c’è la necessità di ripristinare dove possibile questi preziosi eco sistemi. “In questi anni abbiamo lavorato affinché la palude fosse prima di tutto salvaguardata e poi conosciuta e amata, un lavoro enorme fatto da una collaborazione continua fra pubbliche amministrazioni e volontari – ha detto Elena Gubetti, Assessora alle Politiche Ambientali del Comune di Cerveteri – una sinergia che oggi sta dando i suoi frutti. Riconoscerne il valore, proteggerla e gestirla adeguatamente, ripristinarla laddove sia stata distrutta, e imparare ad amarla per la sua bellezza e la sua importanza, a partire dalla sua incredibile biodiversità, questo è quello che cerchiamo di fare nella nostra meravigliosa Palude di Torre Flavia che quest’anno spegnerà 25 candeline dalla data della sua istituzione a Monumento Naturale e noi saremo di nuovo qui per festeggiarla insieme ai tanti bambini delle scuole e a tutti volontari  che sono vere sentinelle di questa area umida della nostra costa” . “Ancorché piccola – prosegue la Gubetti – la Palude di Torre Flavia è in assoluto tra gli ambienti con maggiore diversità biologica. La variabilità delle condizioni ambientali porta alla diversità di specie vegetali e animali, alcune delle quali vivono solo in questo ambiente. La nostra palude è accessibile ed è ideale per attività di educazione ambientale e turismo naturalistico che da sempre  contribuiscono a promuovere un più diffuso rispetto e amore per la natura e il mio più sentito ringraziamento va al responsabile della palude dott. Corrado Battisti e a Scuolambiente e Salviamo il paesaggio che anche oggi erano presenti in area per fare educazione ambientale ai ragazzi delle scuole del territorio”.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli