test
lunedì, Giugno 17, 2024

La provocazione di Mosca: “Roma ha fallito, non dia la colpa a noi”

Ancora scintille tra Roma e Mosca sulla crisi di governo in Italia. “Luigi Di Maio continua a cercare cause esterne ai problemi politici interni del suo Paese, non c’è nulla di nuovo”, ha affermato Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo, ironizzando ancora una volta sulla destabilizzazione dell’Italia e il presunto ruolo russo. “Noi stessi siamo sbalorditi dal potere della diplomazia russa come risulta dai resoconti dei media italiani”, ha detto, aggiungendo: “Più volte i rappresentanti di altri Paesi occidentali hanno cercato di utilizzare trucchi simili, quando non c’era nessuno a cui addossare la colpa dei loro fallimenti in un contesto di crescente malcontento della popolazione”. Le dichiarazioni di Zakharova arrivavano in risposta a quelle del ministro degli Esteri, il quale la scorsa settimana aveva detto che a Mosca si era “brindato” per le dimissioni del premier Mario Draghi. Alle parole della portavoce di Lavrov ha risposto il portavoce del titolare della Farnesina, Giuseppe Marici, che ha denunciato “le continue e gravi ingerenze” da parte del Cremlino nei confronti del governo italiano “ancora prima dell’inizio di questa crisi. Prima con endorsement a una forza politica del nostro Paese e successivamente con ripetute dichiarazioni contro il governo italiano. Appare evidente a tutti quale sia l’obiettivo: provare ad alimentare la propria propaganda in Italia, così da screditare l’azione dell’esecutivo italiano, che sta condannando fermamente l’atroce guerra portata avanti dall’esercito russo in Ucraina, con la morte di centinaia di innocenti”.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli