domenica, Aprile 14, 2024

Roma, ecco le mostre da non perdere nel mese di agosto

Ad agosto sono diversi gli eventi di “100% Ugo” dedicati al grande attore da Torvajanica-Comune di Pomezia (area dove si trova la storica casa dei Tognazzi) nell’anno del suo centenario. Una serie di manifestazioni realizzate con la collaborazione dei figli di Ugo, Ricky, Maria Sole, Gianmarco e Thomas Tognazzi.
“Domiziano imperatore. Odio e amore”
L’esaltazione della gens Flavia e l’intensa attività edilizia, dentro e fuori Roma, lo sfarzo ma anche la devozione agli dei, accanto all’attenzione alla buona amministrazione e al rapporto con l’esercito e con il popolo: cerca di restituire la profondità e le sfumature di una figura non pienamente compresa dalla storia la mostra “Domiziano imperatore. Odio e amore”, aperta al pubblico dal 13 luglio e allestita a Villa Caffarelli, la nuova sede espositiva dei Musei Capitolini. In programma fino al 29 gennaio 2023, l’esposizione è frutto di un importante accordo internazionale tra la Soprintendenza Capitolina ai Beni Culturali e il Rijksmuseum van Oudheden di Leiden, dove dal dal 17 dicembre 2021 al 22 maggio 2022 si è svolta “God on Earth. Emperor Domitian”. Riprendendo quella mostra, ma stravolgendone l’impianto del racconto, il progetto capitolino – curato da Claudio Parisi Presicce, Maria Paola Del Moro e Massimiliano Munzi – torna sul personaggio di Domiziano per restituirne un’immagine più equilibrata, diversa da quella basata su fonti storiche e letterarie a lui avverse, ossia quella di un imperatore che non pretese e non incoraggiò la formula autocratica “dominus et deus”, ma che seppe dare un’impronta significativa alla città di Roma. In un percorso articolato in 15 sale, le circa 100 opere provenienti da alcuni dei più importanti musei internazionali e italiani (58 in arrivo dalla mostra di Leiden e 36 aggiunte per l’edizione romana), tra statue e mosaici, armi e monete, cammei, frammenti di affreschi, edicole funerarie, altorilievi ed elementi architettonici costruiscono un racconto di ampio respiro, che chiarisce le fasi dell’esistenza di Domiziano, dalla nascita al matrimonio, dalla perdita dell’unico figlio alla congiura in cui fu ucciso, fino al decreto senatorio di damnatio memoriae, la cui applicazione non fu comunque eseguita con effettiva sistematicità.
“100% Ugo”, mese per Tognazzi dai film a torneo di padel
Due mostre fotografiche, due rassegne cinematografiche (una per le commedie, una per i film da regista, da Il mantenuto a I viaggiatori della sera) con i premi speciali a Pupi Avati, Giovanna Ralli, Carolina Crescentini, Barbara Ronchi, Riccardo Milani, Massimo Ghini; le “abbuffate culinarie” sulle ricette fantasiose dell’interprete di Amici miei; il ritorno di un torneo sportivo all’insegna dei vip intitolato all’attore, non di tennis (come quello creato al Villaggio Tognazzi e durato oltre 25 anni) ma di padel (tra i primi che hanno accettato di partecipare Marco Risi, Michele Placido, Giulio Base, Luca Lionello, Lillo, Martina Colombari, Pietro Castellitto) per la vittoria della Padella d’oro. Sono fra gli eventi di 100% Ugo, il mese di festeggiamenti, tutto agosto, dedicato al grande attore da Torvajanica-Comune di Pomezia (area dove si trova la storica casa dei Tognazzi) nell’anno del suo centenario. Una serie di manifestazioni realizzate con la collaborazione dei figli di Ugo, Ricky, Maria Sole, Gianmarco e Thomas Tognazzi.
Il post-colonialismo ispira giovani talenti al Maxxi
“Sostenere i giovani talenti significa investire sulla creatività del nostro tempo e sul nostro futuro”. Con questo spirito Giovanna Melandri, presidente della Fondazione Maxxi, e Jean Christophe Babin, ad del Gruppo Bvlgari, avevano presentato al Maxxi le tre opere realizzate dai giovani artisti Alessandra Ferrini, Silvia Rosi e Namsal Siedlecki, che fino a novembre sono protagoniste della mostra, a cura di Giulia Ferracci, della terza edizione del Maxxi Bvlgari Prize, progetto che unisce il museo e la maison nel sostegno dei giovani artisti. Allestita nella Galleria 5 al terzo piano del museo, la mostra presenta tre lavori scelti da “una giuria internazionale” come ha sottolineato Melandri, composta da Hou Hanru, direttore artistico del Maxxi, Bartolomeo Pietromarchi direttore del Maxxi Arte, Hoor Al Qasimi presidente e direttrice Sharjah Art Foundation, Chiara Parisi direttrice Pompidou-Metz e Dirk Snauwaert direttore Wiels Contemporary Art Centre. A novembre la giuria decreterà il vincitore, la cui opera entrerà a far parte della collezione permanente del Maxxi. Il percorso della mostra si apre con l’Archive Room in cui, su pareti caratterizzate da un motivo che ricorda l’antica arte giapponese del Kintsugi, tre teche raccolgono materiali e appunti che hanno ispirato gli artisti. La mostra si apre con Gaddafi in Rome: Notes for a Film, di Alessandra Ferrini, una video-installazione che analizza la visita ufficiale in Italia di Muammar Gheddafi nel 2009, per celebrare la firma del Trattato di amicizia e collaborazione tra Italia e Libia. La mostra prosegue con Nuovo Vuoto di Namsal Siedlecki, viaggio dell’artista negli spazi vuoti all’interno di una scultura in bronzo fusa a cera persa. Conclude la mostra il progetto di Silvia Rosi, artista italo-togolese che attraverso video e fotografie affronta la storia della sua famiglia e la sua eredità identitaria, si esprime in un progetto dedicato alle lingue Ewe e Minà, un tempo parlate in Ghana e Togo.
“Hybrida”
“Hybrida” è la mostra di Matteo Basilé in programma a Visionarea Art Space fino al 6 settembre e a cura di Gianluca Marziani. Il progetto presenta una selezione di opere realizzate nel 2022 e mai esposte a Roma (opere fotografiche di vario formato che adattano le loro superfici alle direzioni energetiche del singolo soggetto, al piano d’irradiazione, a una capacità di evocare paesaggi anche quando questi non compaiono), oltre a un nuovissimo progetto di opere NFT prodotte dalla neo nata Artitude.AI.
“Semi”
Fino al 31 ottobre al Gaggenau DesignElementi la mostra “Semi” di FLora Debora, una vera e propria esperienza performativa oltre che installativa per riflettere sul senso dell’esistere. A cura di Sabino Maria Frassà, la monografica presenta opere in ceramica, terra e oro attraverso le quali l’artista israeliana costruisce una nuova Torre di Babele, ideale luogo di dialogo e confronto.
“Disney. L’arte di raccontare senza tempo”
Il lavoro degli artisti della Disney, la ricerca, i disegni che costituiscono il materiale per la realizzazione degli storici film con cui sono cresciuti milioni di bambini, saranno in mostra a Palazzo Barberini a Roma fino al 25 settembre. Le Gallerie Nazionali ospitano “Disney. L’arte di raccontare senza tempo”, esposizione promossa e prodotta da 24 ORE Cultura, a cura della Walt Disney Animation Research Library, con la collaborazione di Federico Fiecconi, storico e critico del fumetto e del cinema di animazione. L’esposizione racconta al pubblico lo straordinario processo creativo che si nasconde dietro ai capolavori animati e presenta preziose opere originali provenienti dagli Archivi Disney, a partire dagli immortali film dei Walt Disney Animation Studios – tra cui Hercules, Biancaneve e i Sette Nani, Pinocchio, Fantasia e La Sirenetta – fino al più recente Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle Raccontare storie senza tempo riuscendo a incantare il pubblico è considerata una vera e propria arte, ma dietro l’immediatezza tipica del risultato artistico perfetto si nasconde un lavoro di ricerca creativa che dura anni, generalmente ignoto a chi guarda il film. La mostra vuole raccontare i capolavori di Walt Disney, riconducendo le storie alle antiche matrici di tradizione epica: i miti, le leggende medievali e il folklore, le favole e le fiabe che costituiscono da secoli il patrimonio narrativo delle diverse culture del mondo. Da queste tradizioni derivano le storie più famose da cui sono stati tratti i film Disney e vengono presentate in chiave narrativa attraverso l’esposizione dei bozzetti preparatori di ricerca creativa, incentrati sull’esplorazione di personaggi, ambientazioni e trame narrative. Il grande sforzo innovativo è stato quello di portare queste storie al cinema, utilizzando diversi strumenti artistici, dal disegno a mano all’animazione digitale, per captare l’essenza delle favole antiche e rivitalizzarle, attualizzandone il valore universale. Durante il percorso postazioni interattive e un allestimento che evoca gli scenari dei grandi capolavori dell’animazione Disney.
I 20 anni del Parco della Musica, otto mesi di festa a Roma
Da 20 anni la musica a Roma è cambiata. Merito dell’ Auditorium progettato da Renzo Piano, l’affascinante struttura architettonica intitolata recentemente a Ennio Morricone che ha ospitato migliaia di eventi, appuntamenti, festival ed esibizioni con le grandi stelle e le promesse della classica, del pop, del rock e del jazz. Per il compleanno particolare del Parco della Musica che nel 2002 cominciò a muovere i suoi primi passi proprio il giorno del Natale di Roma, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e Musica per Roma hanno previsto otto mesi di festeggiamenti che cominceranno appunto il 21 aprile con un concerto preceduto dagli interventi del sindaco Roberto Gualtieri, del presidente della Regione Nicola Zingaretti e degli esponenti delle due Fondazioni Michele dall’ Ongaro e Claudia Mazzola. I festeggiamenti si concluderanno il 21 dicembre, a 20 anni dalla data di inaugurazione della Sala Santa Cecilia, che ebbe luogo con un concerto diretto da Myung-Whun Chung, allora direttore principale dell’Accademia, e con Maurizio Pollini al pianoforte.
“Francesco Messina. Novecento Contemporaneo”
Plasmare la materia per restituire la perfezione del corpo, l’ossessione del movimento, l’energia della natura, guardando alla tradizione antica e rinascimentale come strada maestra e stimolo per rapportarsi in modo nuovo con il proprio tempo: fino al 4 settembre, al Casino dei Principi di Villa Torlonia, a Roma, si potrà visitare la mostra “Francesco Messina. Novecento Contemporaneo”, a cura di Maria Fratelli, Chiara Fabi e Chiara Battezzati, che racconta la parabola artistica di uno dei più importanti scultori del secolo scorso. Un’ampia selezione di opere (in totale 81, tra bronzi, terrecotte e gessi), appartenenti alla collezione permanente dello Studio Museo Francesco Messina di Milano, delinea le tappe fondamentali della ricerca dell’artista, ponendo la sua scultura in relazione con i lavori di 15 artisti contemporanei, da Andreas Senoner a Vanni Cuoghi, da Francesca Piovesan a Giulia Manfredi. L’esposizione riporta all’attenzione i temi su cui Messina si è concentrato: il ritratto come occasione diretta di confronto con i maestri antichi, ma anche la figura umana, da osservare con occhi moderni pur nel rispetto della resa realistica; e ancora, la scultura di piccole dimensioni, con esempi caratterizzati da eleganza e perizia tecnica, e quella monumentale (con il ritratto di Pio XII o con il grande cavallo in bronzo commissionato nel 1964 per l’esterno della sede Rai di viale Mazzini). Particolarmente affascinanti sono le sezioni dedicate alla scultura colorata e alle ballerine: se con il colore Messina realizza lavori di un realismo che sfiora l’ossessione (un esempio i ritratti della moglie Bianca), nelle sculture dedicate alle ballerine l’artista si concentra sul movimento, oltre che sullo studio anatomico e sulla celebrazione del corpo femminile (come le sculture che ritraggono Aida Accolla, sua musa, e il bronzo Beatrice, che ritrae una bambina di 9 anni a figura intera).
“CRAZY La follia nell’arte contemporanea” al Chiostro del Bramante
Dart – Chiostro del Bramante presenta “CRAZY La follia nell’arte contemporanea”. Si tratta di un grande progetto creativo ed espositivo a cura di Danilo Eccher. Ben 21 artisti di rilievo internazionale, più di 11 installazioni site-specific inedite: per la prima volta le opere d’arte invaderanno gli spazi esterni e interni. Si può visitare fino all’8 gennaio 2023.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli