domenica, Aprile 21, 2024

“Colpo di scena” nel centro sinistra: Carlo Calenda rompe l’alleanza con il Pd

Non intendo andare avanti con l’alleanza con il Pd. L’ho comunicato poco fa ad Enrico Letta. Sapeva ieri cosa sarebbe accaduto, lo avevo avvertito”. Lo ha annunciato il leader d Azione Carlo Calenda ospite di ‘Mezz’ora in più’ di Lucia Annunziata, parlando dell’accordo sottoscritto martedì scorso da Azione con il Partito Democratico in vista delle elezioni politiche del 25 settembre. “A Letta – ha spiegato Calenda – ho detto che se avesse firmato un patto antitetico al nostro sarebbe stata una confusione totale, ieri ho avuto la sensazione di un Pd in mezzo e tante altre forze, che dovevano essere Bonelli e Fratoianni, poi si sono aggiunti Di Maio e altri. Dal momento successivo al nostro accordo hanno attaccato l’agenda Draghi, ci doveva essere una coerenza di linguaggio che è saltata subito”. “A Letta avevo detto che non si poteva arrivare a bombardare l’agenda Draghi dal giorno dopo”, dice con riferimento alle forze di sinistra. “E’ la decisione più sofferta che ho preso da quando ho cominciato a fare il politico. Ed è questo l’elemento che mi fa decidere, ho deciso di fare politica nel 2018 quando il Pd prese il minimo storico, e l’ho fatto per contrastare il populismo becero, pensavo che il Pd fosse l’unico argine, poi il Pd ha preso una strada differente”. “Questa legislatura ha visto tutto il contrario di tutto, e due sono stati i punti di rottura, l’incapacità di trovare un nome diverso a Mattarella e l’ingnominia internazionale della caduta di Draghi”.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli