test
giovedì, Giugno 20, 2024

Allarme dell’Aiea: l’Iran ha iniziato l’arricchimento dell’uranio al 5% in centrifughe situate nel sito sotterraneo di Natanz

L’Iran ha iniziato l’arricchimento dell’uranio al 5% in centrifughe situate nel sito sotterraneo di Natanz. Lo rende noto l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) in un report citato dall’agenzia Tass. Secondo l’accordo sul nucleare iraniano del 2015, il livello di arricchimento dell’uranio di Teheran non deve superare il 3,67%. Secondo il rapporto dell’Aiea – ripreso da diversi media internazionali -, la prima di tre gruppi di centrifughe IR-6 recentemente installate presso l’impianto di arricchimento di combustibili (FEP) a Natanz sta ora arricchendo. L’Aiea spiega che l’IR-6 è un modello più avanzato e molto più efficiente dell’IR-1 di prima generazione, l’unico con cui l’accordo gli consente di arricchirsi.
Nel rapporto riservato agli Stati membri delle Nazioni Unite, l’Aiea scrive che “il 28 agosto 2022 l’agenzia ha verificato al Fep che l’Iran stava alimentando UF6 arricchito fino al 2% di U-235 nella cascata IR-6, per la produzione di UF6 arricchito fino al 5% di U-235.”
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli